you reporter

elezioni regionali

E adesso la parola ai 200mila polesani

In provincia di Rovigo 74 candidati per due posti da consigliere. Si vota anche per il referendum

E adesso la parola ai 200mila polesani

Urne aperte. Da questa mattina alle 7 la parole è tornata agli elettori. Ai 200.832 elettori polesani. Con il loro voto dovranno eleggere il nuovo consiglio regionale e il nuovo presidente della Regione Veneto. Per quel che riguarda il Polesine saranno due i consiglieri che verranno eletti a rappresentare il territorio nell’assemblea di Venezia. In Veneto si sfidano nove candidati presidenti sostenuti, in tutto, da 17 liste elettorali. In provincia di Rovigo i candidati in corsa sono 74. 74 runner per due posti disponibili.

In Polesine andranno alle urne, o meglio hanno diritto ad andarci, 800.832 elettori. Si tratta di 97.745 uomini e 103.087 donne. In tutto le sezioni polesane che dovranno essere spogliate, a partire da lunedì pomeriggio, sono 275. A Rovigo gli elettori sono 41.991 (su 55 seggi), ad Adria 16.865. A Porto Viro sono 12.329. A Lendinara andranno ai seggi 9.625 elettori e ad Occhiobello 9.601, a Badia Polesine 8.588 e a Porto Tolle 8.286. Il Comune con meno elettori è Calto, 744, poco meno di Villanova Marchesana (755), e Canda (771).

I candidati e le liste che si sottopongono al giudizio degli elettori sono Luca Zaia (Lega, Lista Zaia presidente, Lista Veneta autonomia, Fratelli d’Italia e Forza Italia). Arturo Lorenzoni (Pd, Veneto che vogliamo, Più Veneto in Europa, Europa Verde e Sanca autonomia). Patrizia Bartelle (Veneto ecologia solidarietà), Paolo Bevegnù (Solidarietà ambiente lavoro), Enrico Cappelletti (M5s), Paolo Girotto (Movimento V3), Antonio Guadagnini (Partito dei Veneti), Simonetta Rubinato (Veneto per le autonomie) e Daniela Sbrollini (la cui civica è sostenuta da Italia Viva, Psi e Pri).

Come detto prima per il Polesine ci sono due seggi nel consiglio regionale e a questi puntano i 74 candidati consiglieri distribuiti nelle 17 liste a sostegno dei candidati presidente. Nei giorni scorsi la campagna elettorale ha visto molti di questi candidati girare in lungo e in largo il territorio per cercare consenso e proporre all’elettorato i propri programmi politici. Ora, però la parola passa ai cittadini.

Oggi e domani, inoltre si vota anche per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari. I cittadini dovranno decidere se approvare la riforma che prevede una sforbiciata al numero di deputati e senatori. Infine a Villadose l’election day prevede anche la scelta per il nuovo consiglio comunale e il sindaco. Due i candidati che si sfidano: Lucia Pozzato, sostenuta da una lista di centrosinistra e Pierpaolo Barison, appoggiato da una coalizione di centrodestra.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl