you reporter

FRATTA POLESINE

Il folle gesto agli impianti sportivi: assalto e distruzione

Un accanimento assurdo: picconate ovunque, anche alla caldaia. Tutto imbrattato a spray

Il folle gesto agli impianti sportivi: assalto e distruzione

Furto e atti vandalici al campo sportivo. Una brutta sorpresa, quella toccata al dirigente della squadra dell’Asd Calcio Fratta quando, nella mattinata di giovedì: arrivato al campo sportivo comunale, si è accorto che durante la notte qualcuno era riuscito ad entrare negli spogliatoi.

La refurtiva è stata piuttosto scarsa. Qualche decina di euro dal fondo cassa del bar, mentre i danni dovuti agli atti vandalici, sono stati davvero ingenti. Nella notte di mercoledì, ignoti si sono introdotti nel centro sportivo e dopo aver staccato e rotto le telecamere, hanno sfondato la parete del bar per poi distruggere tutto quello che si sono trovati davanti. Non contenti hanno tirato bottiglie di birra contro il muro, vuotato i liquori sull’arredamento e rubato le bottiglie e le lattine di birra del magazzino, servendosi dei borsoni che solitamente contengono le mute da calcio. Hanno anche rubato alcuni giacconi sportivi e, con alcune bombolette spray, hanno sporcato i muri, l’abbigliamento sportivo e messo fuori uso i computer.

Non contenti, con un piccone hanno distrutto i sanitari e abbattuto la porta della caldaia. Come se non bastasse, si sono poi accaniti sull’impianto elettrico, distruggendo le plafoniere, per poi lanciare i palloni in giro per il centro. Un danno che, da un primo conteggio, potrebbe superare 3 o 4 mila euro. “Quando subisci un furto, e può succedere a chiunque, ci si rimane male – si legge in un post della società sulla pagina Facebook dell’Asd calcio Fratta - ma oltre al furto il vandalismo, l’acredine, la violenza di voler distruggere. Pensate che hanno preso due bombolette spray di colore e spruzzato sul computer e sui giacconi in magazzino. Un vero disastro. In ogni caso la speranza conduce più lontano della paura”.

Il giorno seguente, però, il post della società fa capire la forza del volontariato e la voglia di andare avanti nonostante tutto.

“Vorremmo e potremmo dire molte cose , anche spiacevoli, in merito a ciò che è successo stanotte – si legge - Ma noi siamo una umile società di paese e l'unico nostro fine è fare sport, impegnarci per dare la possibilità ai nostri amati ragazzi di trovarsi in un ambiente sano. Abbiamo la presunzione anche di poter insegnare qualcosa ma a volte, invece, siamo noi che impariamo. Questo ci porta a non mollare mai, neanche quando l'ignoranza, la vigliaccheria e l'inciviltà cercano di piegarci. Noi non diciamo nulla, né ci piangiamo addosso. Noi rispondiamo sempre con fatti e con la voglia di andare avanti. Ci sono ancora diverse cose da sistemare, ma in breve tempo tutto tornerà come prima e anche meglio. Un doveroso ringraziamento, ai nostri amici e collaboratori Oliviero Sterza, Marco Filippi , Marco Incao , Adriano Gennaro, che oggi ci hanno regalato del loro tempo per sistemare quello che si poteva sistemare”. Sulla vicenda sono intervenuti i carabinieri di Rovigo, di Polesella e di Fratta Polesine che stanno indagando per cercare di dare un nome ed un volto ai colpevoli.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl