you reporter

PORTO TOLLE

Muore a 40 anni: è la più giovane vittima del virus. Sindaco contro i negazionisti

Lo sfogo del primo cittadino: "Sono stanco di leggere che è tutta una farsa, tutta fantasia"

Muore a 40 anni: è la più giovane vittima del virus. Sindaco contro i negazionisti

Roberto Pizzoli, il sindaco di Porto Tolle, segnato dal dolore mentre comunica la notizia

Jonatan Callegaro, di Scardovari, se ne è andato a 40 anni. E' la più giovane vittima del coronavirus in Polesine. E, a stroncare ogni possibile discussione su morto "con" o morto "per" coronavirus, ha pensato, nella serata di mercoledì 18 novembre, un Roberto Pizzoli, sindaco di Porto Tolle, apparso in diretta segnato dal dolore, per la scomparsa di un giovane uomo che conosceva bene. "Questo ragazzo, se non ci fosse stato il Covid, non ci avrebbe lasciato", ha detto.

"Buonasera, Porto Tolle, anche se questa sera, di buono, non ha praticamente nulla - ha esordito il primo cittadino - Siamo stati investiti, in giornata, da una notizia bruttissima. Bruttissima. Oggi mi ha chiamato la mamma del nostro concittadino, del ragazzo che era a Trecenta, in Terapia Intensiva, per il Covid, e mi ha detto che ci ha lasciato. A 40 anni". Poi, una sosta, a contenere il dolore, forse le lacrime.

Pizzoli, col riserbo che gli è solito, non ha mai nominato Jonatan, ma la voce, in breve, si è diffusa. Così come lo sconcerto e il dolore. "Penso che sia difficile ricevere una chiamata come quella che ho ricevuto oggi - ha proseguito Pizzoli - Penso che sia difficile anche per i familiari riuscire a concepire quello che è successo, perché da un po' di ore la frase che mi gira nella testa è che non è giusto, morire giovani non è giusto. La notizia la voglio condividere con voi, come condividiamo tutto in questi mesi, per lanciare anche un messaggio: questo ragazzo, senza il Covid, non ci avrebbe lasciato".

Poi, sull'onda del dolore, la rabbia per chi continua ancora a farsi beffe delle tragedie, ad agitare complotti. "Sono stanco di leggere certi messaggi, come 'è tutta una farsa' - ha detto Pizzoli, con la voce rotta da emozione e dolore - che sono tutte fantasie. Non c'è nulla di farsa, non c'è nulla di fantasia. Qui c'è da combattere una situazione che non guarda a nessuno per età, per posizione, per nulla".

Jonatan, nonostante, negli ultimi anni conducesse una vita molto appartata, era conosciuto e benvoluto, in paese. Aveva a lungo giocato a calcio, prima nello Scardovari, quindi anche nel Gorino. Era stimato da tante persone. Nato fuori provincia, da una famiglia emigrata, era tornato con i parenti ancora bimbo nel "suo" Bassopolesine, dal quale non si era mai staccato.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl