you reporter

PESCA

Dalla Regione arrivano finanziamenti e bando per la pesca

Per accrescere la competitività delle imprese della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca tradizionale ed ecosostenibile

Diritti esclusivi di Pesca, salta tutto: la rabbia dei pescatori (e non solo)

27/01/2021 - 21:02

La Giunta regionale del Veneto con una apposita delibera ha dato il via al sesto bando del Programma operativo Feamp 2014-2020 (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca). Il bando, che verrà pubblicato a giorni sul Burv, ossia il Bollettino ufficiale della Regione del Veneto, vuole finanziare progetti che puntano ad accrescere la competitività delle imprese attive nel comparto della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca tradizionale ed ecosostenibile nel territorio dell’Area Interna Contratto di Foce – Delta del Po che comprende i comuni di Ariano nel Polesine, Corbola, Loreo, Porto Tolle, Porto Viro, Rosolina e Taglio di Po.

“In tutto - spiega la nota stampa della Regione del Veneto che illustra i dettagli del bando - vengono messi a bando 200mila euro dei quali il 50 per cento di quota Feamp, il 35 per cento di quota nazionale e il 15 per cento di finanziamento regionale.”

“Il comparto della pesca, l’intera filiera che ruota attorno ai prodotti del mare e della laguna, è di primaria importanza per il Veneto e lo è ancora di più per il territorio del Delta del Po – spiega l’assessore regionale alla Pesca Cristiano Corazzari – con questo bando, che viene dopo altri cinque e che fa parte della programmazione 2014-2020, puntiamo ad aiutare le imprese, enti e le associazioni di produttori a finanziare progetti per aumentare la propria competitività, promuovendo il settore ittico con la ricerca di nuovi mercati e facendo conoscere prodotti di qualità nel mercato locale, italiano e all’estero”.

Le domande di contributo dovranno essere presentate entro 60 giorni dalla pubblicazione del bando; a vagliare i progetti sarà la Direzione Agroambiente, Programmazione e Gestione ittica e faunistico-venatoria della Regione del Veneto in qualità di Autorità di Gestione.

Possono partecipare organizzazioni di produttori riconosciute – micro, piccole e medie imprese, associazioni di organizzazioni di produttori, organismi di diritto pubblico, enti locali compresi.

“Saranno finanziati - prosegue ancora la comunicazione della Regione del Veneto - interventi che puntino a promuovere qualità e valore aggiunto delle produzioni ittiche attraverso la tracciabilità, la certificazione, la commercializzazione e le campagne di comunicazione e promozione dei settori di pesca e acquacoltura. Lo scopo finale è incentivare la competitività del settore ittico con la ricerca di nuovi mercati e la promozione di prodotti di qualità”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl