you reporter

LA RIPARTENZA

Bar, una ripresa carica di entusiasmo

I titolari sono contenti e fiduciosi: “Finalmente, pronti ad accogliere i nostri clienti”

01/02/2021 - 20:58

Finalmente, dopo tre settimane di zona arancione si torna in fascia gialla, e si può ricominciate ad avere uno spiraglio di normalità che tanto ci è mancata. Fra le categorie che hanno dovuto abbassare le saracinesche in questo periodo ci sono anche i baristi, che questa mattina hanno potuto tornare ad accogliere i clienti nei loro locali. Sono tutti chiaramente entusiasti e si auspicano che questa situazione non sia temporanea ma sia sintomo di una ripresa. Ringraziano i clienti perché comunque li hanno sempre sostenuti, non li hanno abbandonati nei periodi di chiusura, usufruendo del servizio di asporto.

Molti di loro hanno già ricevuto i ristori, per quanto pochi o tanti che siano comunque sono arrivati. Davide del bar “Pane&Caffè” è felicissimo di poter aprire il locale ai suoi clienti: “Finalmente possiamo accoglierli al caldo, bere un caffè o mangiare un panino fuori al freddo era una condizione sfavorevole e triste. La nostra clientela - continua Davide - non ci ha mai abbandonato, è stata molto generosa e la ringrazio per questo e ora sono contento di poter tornare ad accoglierli all’interno”. Per quanto riguarda i ristori Davide è grato: “Posso solo che ringraziare perché sono stati utili e ci hanno permesso già di impostare il periodo pasquale”. Anche Joe del bar “Franchin” si associa a Davide: “I ristori, pochi o tanti che siano, sono arrivati. Infatti, mi sono dissociato dalle proteste della mia categoria perché non ho niente da rimproverare per come l’hanno gestito”. È poi fiducioso: “Dopo lo stop imposto, la gente avrà sicuramente voglia di uscire e socializzare, stando chiusi in casa ci manca il contatto umano, l’importante farlo nel rispetto delle regole. Credo che sia solo un periodo di passaggio, dopo la Pasqua dovremo tornare un po’ alla volta alla normalità di tutti i giorni”.

Grande entusiasmo di Donatella del bar “Pedavena” per la riapertura: “Contentissima di aver aperto e soddisfatta dei miei clienti che sono sempre venuti, anche quando facevo da asporto, ci hanno sempre aiutato”. Spera ovviamente che questa situazione duri o migliori. Ed è la stessa speranza di Eleonora del bar “Molinari”: “Speriamo che si vada sempre di più verso un miglioramento. La gente ha voglia di uscire, noi siamo qui ad aspettarla. Speriamo di riempire presto il bar come una volta, sempre rispettando tutte le misure del momento: il metro di distanza e 4 persone per ogni tavolo”.

Manuela del bar “Fuori dal Comune” invece vede una ripresa, ma pensa che sarà molto lenta: “Staremo così 20 giorni e poi torneremo in zona arancione. Inoltre, anche i ristori sono bloccati, aspetto questo mese e quello precedente, ma prima di marzo non credo riceverò nulla”. Lei è comunque pronta ad accogliere i clienti e ha voglia di un po’ di socialità: “Non faccio nessun appello, i clienti sono bravi e ritornano e io sono qui ad aspettarli”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • pmax89

    03 Febbraio 2021 - 08:08

    le anziane in pelliccia il top

    Rispondi



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl