you reporter

BENEMERENZA

Il grande “grazie” di Liliana Segre, cittadina onoraria anche di Adria

La senatrice a vita: “La coltivazione della memoria ci renda saldi nei valori democratici e antifascisti”

Il grande “grazie” di Liliana Segre, cittadina onoraria anche di Adria

04/02/2021 - 21:01

E’ arrivata a Palazzo Tassoni la lettera di ringraziamento e apprezzamento da parte della senatrice a vita Liliana Segre per il conferimento della cittadinanza onoraria. “Stimato sindaco di Adria – scrive la senatrice a vita - a lei e, tramite lei, all'intero consiglio comunale giungano i miei più sentiti ringraziamenti per l'onore riservatomi con la concessione della cittadinanza onoraria di Adria. Il riconoscimento è tanto più gradito perché avviene in concomitanza con la ricorrenza del ‘Giorno della Memoria 2021’ appuntamento che ricorda a tutti noi l'importanza della memoria e del senso della storia nella formazione di uno spirito pubblico quanto più possibile consapevole e civile. Purtroppo ragioni di età, di salute e di sicurezza, oltre i noti attuali divieti, mi impediscono di essere presente fra voi ma ci tengo a condividere con voi i sentimenti democratici e antifascisti che storicamente caratterizzano il territorio della foce del Po. Certa che la coltivazione della cittadinanza comune e della memoria renderà più saldi questi sentimenti e questi valori, auguro alla vostra, anzi alla nostra comunità, un futuro di prosperità e di progresso morale e civile. In un periodo drammatico come l'attuale, ne abbiamo tutti bisogno. Grazie di nuovo a voi tutti”.

La cerimonia del conferimento è avvenuta il 27 gennaio scorso in videoconferenza. Nell’occasione gli studenti del liceo Bocchi-Galilei hanno preparato un eccellente documento di grande valore storico, morale e civile riproducendo alcuni interventi della senatrice. Significativo il messaggio finale lanciato ai giovani: “Io, da nonna, vi voglio dire ragazzi: voi siete fortissimi, voi siete fortissimi. Avete tutta quella forza che la gioventù che sta prorompendo in voi non l’avrà mai più nella vita. Voi siete fortissimi, voi siete portatori della vita, quindi siate voi forti per i vostri genitori, dite basta a questa storia dell’adolescenza che deve essere protetta perché voi dovete essere preparati alla vita. Questa parola ‘vita’ è importantissima, non va sprecata mai, non va dimenticata mai, nessun minuto, perché non si torna mai indietro in quel tic tac continuo della vita, quel tic ed è già tac”.

La testimonianza si può riascoltare nel canale Youtube dalla pagina web del comune di Adria e prende il via al minuto 1:17.00 e dura sei minuti.

Il conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre è stato decretato dal consiglio comunale, purtroppo non all’unanimità, sia pure senza voti contrari, nella seduta del 13 febbraio 2020.

Nella premessa della mozione si legge: “Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con scelta appropriata e lungimirante ha nominato senatrice a vita la dottoressa Liliana Segre, ebrea, perseguitata in virtù della sua appartenenza religiosa e internata nei campi di sterminio nazisti. Giustamente è considerata dal popolo italiano simbolo e testimonianza diretta di un passato nefasto che non si vuole ritorni: quello caratterizzato dalle leggi razziali volute dal regime fascista”.

E ancora: “Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale più volte abbiamo detto ‘mai più’, poi abbiamo assistito sostanzialmente inermi a tragedie enormi dal regime di Pinochet in Cile ai voli della morte in Argentina, dal genocidio del Ruanda al conflitto in Medio Oriente, dalla guerra in Siria all’ex Jugoslavia dove sono state applicate nel luglio 1995 a Srebrenica le stesse modalità di sterminio di massa avvenute ad Auschwitz. Fino ad arrivare al dramma dei migranti in merito al quale la stessa senatrice Segre ha più volte ricordato di essere stata anch'essa clandestina e richiedente asilo, poi gli fu negato a causa del suo successivo arresto”. E conclude: “L'indifferenza della gente che, oggi come allora, rischia di metterci davanti a violazioni dei diritti umani nel silenzio delle nostre comunità, non abbia mai il sopravvento rispetto a un mondo basato sul rispetto, sul dialogo e sulla pace tra i popoli”. Nella mozione si esprime piena solidarietà a Liliana Segre per i continui e violenti attacchi mediatici, soprattutto attraverso i social.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • diduve

    05 Febbraio 2021 - 11:11

    Ma che senso hanno queste cittadinanze onorarie... e' lombarda..

    Rispondi



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl