you reporter

LAVORI PUBBLICI

Ex ospedale, parte la rinascita

Si demolisce per poi ricostruire: arriveranno medicina integrata e centro polifunzionale

Ex ospedale, parte la rinascita

Al via i lavori per la riqualificazione del Punto sanità di Badia Polesine. Sono ufficialmente iniziati nei giorni scorsi gli interventi previsti dal progetto di rinnovo dell’ex ospedale cittadino di riviera Miani.

Dando quindi seguito a quanto annunciato solo un paio di settimane fa in occasione della presentazione del progetto, tenutasi in sala consiliare alla presenza dei funzionari dell’Ulss 5 Polesana, dell’amministrazione comunale e dalle autorità regionali, con l’inizio del mese di febbraio sono cominciate le opere previste dal primo stralcio di lavori, che riguardano la manutenzione straordinaria dell’edificio finalizzata all’attivazione del servizio di medici di Medicina generale e poliambulatorio al Centro polifunzionale.

Come anticipato nel corso della presentazione del progetto, i primi interventi riguardano la parte dell’ex ospedale ormai in disuso e in stato di abbandono che si trova lungo via Fratelli Rosselli, per la quale è prevista la demolizione; un passaggio chiave che permetterà di liberare spazi per impostare il cantiere ed iniziare i lavori di ristrutturazione vera e propria.

“I lavori sono iniziati lo scorso lunedì – conferma il sindaco Giovanni Rossi – per il momento si sta procedendo a svuotare la parte dell’edificio che poi dovrà essere demolita. Devo dire che le tempistiche che ci erano state date dall’Ulss, e cioè di far partire i lavori con i primi di febbraio, sono state tutto sommato rispettate”.

Da qualche giorno, infatti, sulla parte anteriore del Punto sanità, è possibile intravedere i mezzi d’opera e gli operai al lavoro per “liberare” l’edificio da tutto ciò che vi era finora contenuto, ma che non era più di alcun utilizzo per la struttura. I lavori comunque, per il momento, interessano un’area non frequentata dall’utenza o dal personale del Punto sanità, e quindi non rappresentano motivo di particolare disagio.

Stando al cronoprogramma anticipato dal direttore dei lavori Rodolfo Fasiol nel corso della presentazione di poche settimane fa, la demolizione dovrebbe essere ultimata per il mese di aprile, dopodiché ci si concentrerà al piano terra del lato sud, dove si andrà a realizzare la riqualificazione mirata allo sbarco nella struttura della Medicina di gruppo e dei poliambulatori. A ciò seguirà il ripasso della copertura, che nelle intenzioni si andrà ad effettuare nei mesi tra luglio e settembre, con la speranza di riuscire, contemporaneamente, ad intervenire pure sulla facciata che dà su riviera Miani. Infine, il primo stralcio dovrebbe concludersi con altri lavori al piano terra. Il progetto, che globalmente prevede un importo di 4,5 milioni di euro, è già stato finanziato per quasi un milione e mezzo per consentire il primo stralcio di lavori, che dovrebbero concludersi nell’arco di un anno o poco più.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl