you reporter

I SINDACI

Il Polesine si spopola. "Serve più lavoro per non scomparire"

Il parere dei sindaci sul calo demografico. Pizzoli: “Più infrastrutture verso il Delta”. Viaro: “Tante coppie arrivano”. Vitale: “Uniamo i servizi”

Il Polesine si spopola. "Serve più lavoro per non scomparire"

13/02/2021 - 19:47

C’è il comune di Calto, in Alto Polesine, il più piccolo della provincia che da 819 abitanti nel 2011 è passato a 704 abitanti nel 2018 e a 684 nel 2019. Ma il calo demografico si registra dovunque in Polesine e da tempo preoccupa gli amministratori locali. “Abbiamo un gap tra mortalità e natalità - spiega Roberto Pizzoli, primo cittadino di Porto Tolle - che si attesta tra le 130-140 persone che vengono a mancare ogni anno, a fronte di una natalità che tra i 40 e i 50 bambini all’anno. Il gap è elevato, in una popolazione che ha una popolazione di circa 800 ultraottantenni. Numeri altissimi, mentre non abbiamo l’immigrazione che compensa questi numeri. Infatti Porto Tolle è uno dei comuni con meno immigrati in tutto il Veneto”. Per cambiare la “foto di famiglia” di Porto Tolle, e attirare nuovi residenti la giunta Pizzoli punta sul lavoro legato al turismo e al settore primario. “Sono le nostre eccellenze, ci stiamo lavorando molto, insieme alle politiche per la famiglia, con materne e asilo nido. Buona parte del nostro bilancio è dedicato alla scuola e al trasporto pubblico”. Ma ci sono anche richieste e appelli che il primo cittadino di Porto Tolle avanza ai gradini più alti della macchina amministrativa e politica. “Qui bisogna rafforzare le arterie stradali, fare arrivare le persone nel Delta. Essere attrattivi per gli insediamenti produttivi. Potrebbe essere utile sia la Romea commerciale che la Nogara Mare, come il rafforzamento delle lagune e dei porti, come aiuto concreto importantissimo per il settore della pesca”.

Con l’aumento della residenzialità dovuto anche all’arrivo di Amazon e le continue politiche di attrazione verso la “Atene” del Polesine, il sindaco di Lendinara Luigi Viaro non vede il “continuo spopolamento della città, come ho letto - precisa - Il trend è iniziato tanti anni fa, non è di adesso. I nostri giovani vanno presso l’università e si fermano fuori, c’è un basso tasso di natalità e uno sbilancio tra i nati e i morti, ma negli ultimi anni il calo si è fermato a qualche decina di unità. Ci assestiamo sui 12mila (sono 11.552 secondo l’ultimo censimento Istat ndr), mentre anni fa eravamo 16mila. La gente è scappata per trovare lavoro altrove. Ma ultimamente io stesso valuto che ci sono realtà e imprese che si stanno ampliando e giovani coppie che scelgono di abitare a Lendinara”. Rendere Lendinara più bella e ricca di servizi è da anni l’obiettivo di Viaro, che per 30 anni ha lavorato a Padova. “Se non avessi avuto la passione per il mio paese e non fossi stato coinvolo, oggi parlerei da padovano. Quindi lavoro, occupazione e servizi sono le colonne portanti di una città attrattiva”.

Con il mare Adriatico a portata di mano e una vocazione turistica naturale, Rosolina lotta comunque contro lo spopolamento, e perde meno abitanti rispetto ai comuni confinanti. Dopo un aumento demografico registrato fino al 2011, quando gli abitanti erano 6.481, nel 2018 erano 6.391 e nel 2019 6.309. “I servizi sono l’obiettivo della nostra amministrazione - spiega il primo cittadino Franco Vitale - Abbiamo aperto un nuovo asilo nido, grazie ai fondi della Fondazione Cariparo per un progetto che va a coprire le esigenze di altri comuni limitrofi, come Loreo, Porto Viro e Chioggia. Ma il futuro è nell’unione dei servizi e trovare risposte sul piano lavorativo per i nostri abitanti. Posso dire con orgoglio che il punto prelievi a Rosolina è stata una della cose più apprezzate dei nostri residenti si è dimostrato un servizio importante e per il futuro stiamo sensibilizzando le realtà economiche per realizzare una filiera del prodotto orticolo e ittico confezionato per la grande distribuzione. La parola d’ordine, insomma, è lavoro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl