you reporter

CORONAVIRUS IN ITALIA

Nei mesi peggiori del covid la mortalità in Italia è aumentata del 50%

Arriva dai dati dell’Eurostat un’ulteriore conferma dell’impatto sulla mortalità della pandemia in Europa

Coronavirus, c'è un primo caso di contagio anche a Chioggia

Arriva dai dati dell’Eurostat un’ulteriore conferma dell’impatto che la pandemia di Coronavirus ha avuto sulla mortalità negli Stati membri dell’Unione europea. Secondo il rapporto pubblicato oggi, 16 febbraio, e relativo all’arco di tempo da marzo a novembre 2020, nei Paesi dell’Ue sono morte circa 450 mila persone in più rispetto alla media dei quattro anni precedenti nel medesimo periodo. In Italia, nei mesi peggiori della pandemia, la mortalità ha registrato un balzo di circa il 50%.

Il primo picco a livello europeo è stato registrato nel mese di aprile (con un incremento del 25%), quindi i decessi sono tornati a scendere nei mesi di maggio, giugno e luglio, per poi tornare a salire a settembre. Il secondo picco è arrivato a novembre, con un incremento complessivo del 40% circa. Anche l’Italia ha seguito una traiettoria simile, superando però la media europea soprattutto nei primi mesi della pandemia.

Quando a marzo la media europea registrava un incremento del 15% circa, in Italia i decessi erano quasi il 50% in più rispetto agli anni precedenti. Soltanto nel mese di maggio il dato in Italia è tornato sotto la media europea, fino a novembre, quando il Paese ha registrato un nuovo aumento del 50% circa, contro il 40 percento europeo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl