you reporter

DEMOGRAFIA

Città sotto i 50mila abitanti: il Comune chiede il ricalcolo

Gli stipendi di sindaco e giunta sono legati al raggiungimento della soglia

Città sotto i 50mila abitanti: il Comune chiede il ricalcolo

Il Comune ha chiesto all’Istat il ricalcolo dei dati relativi all’ultimo censimento della popolazione, che pone Rovigo sotto la fatidica soglia di 50mila abitanti decretando - tra le altre cose - il taglio dei compensi al sindaco e alla giunta. Lo afferma il consigliere del Pd Graziano Azzalin, replicando alla polemica sollevata dal capogruppo della Lega Michele Aretusini.

“E’ incredibile - dice Azzalin - che Aretusini esulti come se il calo demografico fosse una bella cosa. Stia tranquillo le indennità: vengono ridotte per legge e il Comune ha già provveduto a ridurre in via prudenziale gli emolumenti degli amministratori e ad accantonare le risorse, senza dover approvare nessun emendamento”.

“Aretusini - continua - è come colui che profetizza che domani sorgerà il sole e quando il giorno dopo effettivamente sorge si affretta a fare un comunicato per dire: ‘Avete visto? E’ accaduto perché l’ho detto io’. Rivendicare il taglio e presentare un emendamento che destina delle risorse come fosse chissà quale brillante idea non ha molto senso. La riduzione è fissata per legge, perché l’indennità è tarata sul numero della popolazione”.

Quindi, il consigliere Pd annuncia: “Per quanto riguarda Rovigo, sarebbe sotto la soglia dei 50mila abitanti per appena 15 unità; il Comune ha chiesto chiarimenti all’Istat, poiché il calo è dovuto alla diminuzione di 1.100 abitanti in un solo anno, il 2019. Una volta avuta la conferma, si potrà procedere, con una apposita variazione di bilancio a destinare le risorse accantonate”.

“Occorre essere concreti - aggiunge poi il consigliere di maggioranza - quest’anno ci sarà un avanzo di amministrazione e parecchi soldi a disposizione, Avere subito qualche altro migliaio di euro in più, soldi tra l’altro che non spenderesti immediatamente, per una questione su cui permane ancora un alea di incertezza, e che al massimo tra poche settimane sarà chiarita, è semplicemente propaganda. Il capogruppo della Lega dovrebbe semmai preoccuparsi del calo demografico, questione dolorosa e che riguarda tutta Italia, su cui bisogna intervenire concretamente. Se non si inverte la tendenza, con una popolazione sempre più anziana, il nostro sistema economico-sociale rischia di non diventare più sostenibile. E, con buona pace della Lega, per invertirla non bastano neanche i flussi migratori attuali. A pesare nella scelta di mettere al mondo dei figli è l’incertezza sul futuro. Servono politiche di sviluppo che il governo deve mettere in atto anche per affrontare il dopo pandemia in modo adeguato”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl