you reporter

LA PROPOSTA

Centri commerciali polesani disponibili ad ospitare le vaccinazioni

Zoccarato (Fattoria): “Se serve ci siamo”. Partesani (Il Faro): “E’ un pezzo che siamo disponibili”

Centri commerciali polesani disponibili ad ospitare le vaccinazioni

24/02/2021 - 21:53

I centri commerciali polesani si mettono a disposizione per ospitare nei loro parcheggi eventuali strutture per le vaccinazioni. La disponibilità a questa eventualità era stata data dal Consiglio nazionale dei centri commerciali che aveva inviato martedì scorso una lettera al presidente del Consiglio Mario Draghi, oltre che ai ministri maggiormente coinvolti nella gestione dell’emergenza, per manifestare l’immediata disponibilità del settore a rispondere all’appello lanciato dal presidente del Consiglio per contribuire all’incremento degli spazi a disposizione per la campagna vaccinale, che deve essere la priorità.

Lo stesso premier, infatti, nei giorni scorsi aveva sottolineato la necessità di non limitare le vaccinazioni all’interno di luoghi specifici, rendendole possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private. Il Consiglio nazionale dei centri commerciali, in coerenza con le attività e le proposte di cui si fa portavoce da mesi e per avere un ruolo ancora più attivo nella lotta contro il virus Covid-19, si è quindi reso disponibile ad individuare sin da subito, assieme ai propri soci, gli spazi più idonei delle oltre 1.200 strutture presenti in modo capillare in tutto il Paese così da poterli mettere a disposizione delle Istituzioni nazionali e locali per lo svolgimento della campagna vaccinale il prima possibile.

Non solo, l’associazione conferma anche la massima disponibilità ad individuare insieme al nuovo Governo misure che, anche attraverso protocolli di sicurezza ancora più rigorosi, possano consentire il regolare proseguimento delle attività commerciali, auspicando la riapertura dei centri commerciali, dei parchi commerciali e dei factory outlet 7 giorni su 7. Qualora le misure restrittive non venissero riviste, la richiesta dell’associazione per quanto riguarda i ristori insiste sul fatto che siano commisurati alle perdite subite, specie se si considera l’importanza che il fine settimana ha per il settore dei centri commerciali.

Intanto dal Polesine arrivano conferme rispetto alla richiesta del Cncc.

Claudio Zoccarato, presidente del Consorzio La Fattoria, ha sottolineato che per quanto riguarda gli spazi del centro commerciale di Borsea non c’è alcun problema. “Se ci sarà la necessità di ospitare strutture per la vaccinazione di massa renderemo disponibile parte del nostro parcheggio” le sue parole.

Da parte sua la direttrice del centro commerciale “Il Porto” di Adria, Federica Pavani, sottolinea come sia già presente, nel fabbricato adiacente, il centro vaccini. “Come avevamo appreso dalla stampa che la ‘Sala Caponetto’ era diventata il centro per i tamponi di Adria, abbiamo visto che è stata riconvertita in centro per la vaccinazione - le sue parole - in questo senso non può che farci piacere”.

Per quanto riguarda, infine, il centro commerciale “Il Faro” di Giacciano con Baruchella, il presidente del Consorzio operatori omonimo, Andrea Partesani, spiega come la disponibilità l’aveva data già da tempo. Partesani, che è anche vicesindaco di Giacciano con Baruchella, spiega come le zone parcheggio del Faro siano già state messe a disposizione per questa eventualità. “L’interno non è idoneo perché le normative prevedono che ci sia un distanziamento e che i vaccinandi non entrino a contatto col pubblico - spiega - visto che c’è questa possibilità invece nei parcheggi, noi siamo disponibili. Nell’amministrazione comunale l’assessore Mariella Sperandio è anche coordinatrice della Protezione civile. Nell’eventualità, noi siamo pronti”.

Partesani conclude, però, parlando della situazione di centri commerciali “in sofferenza per le chiusure dei fine settimana che spero possano riaprire”. “Togliere le due giornate più importanti della settimana è un danno grave - commenta Partesani - ho scritto all’Ascom provinciale e all’assessore regionale Marcato senza ottenere risposta. Ho scritto al ministero dello Sviluppo economico, ma niente. E’ una situazione che ci rende non competitivi con i centri storici e mette in difficoltà le attività al nostro interno, ripercuotendosi nei dipendenti. Che sono residenti a Giacciano e nei Comuni vicini”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl