you reporter

SOCIALE

Ipab in crisi: “Non toccate le rette”

La richiesta: aumentare la quota sanitaria a carico della Regione per calmierare le spese

Ipab in crisi: “Non toccate le rette”

27/03/2021 - 22:33

La crisi delle case di riposo causata dal Covid “non può essere pagata dagli ospiti o dalle loro famiglie”. E’ il messaggio che i sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil di Rovigo ribadiscono con forza alla Regione e all’assessora Manuela Lanzarin, riaffermando il proprio “no” a qualsiasi aumento delle rette mensili. La crisi delle Rsa è dovuta all’impatto della pandemia che ha ridotto il numero degli ospiti (tanti decessi e blocco dei nuovi ingressi) e ha incrementato le spese per le sanificazioni, per l’adozione dei nuovi dispositivi di protezione e per l’adeguamento dei locali. Insomma, la situazione delle case di riposo si presenta oggettivamente complicata e, soprattutto nelle Ipab pubbliche, le nuove problematiche si sommano a quelle già esistenti a causa della mancata riforma.

Tuttavia, spiegano Nicoletta Biancardi (Spi-Cgil), Patrizia Cassetta (Fnp-Cisl) e Claudio Marangoni (Uilp-Uil), “per affrontare la crisi delle strutture la Regione ha stanziato per il 2020 oltre 16 milioni di euro, e ci auguriamo che faccia lo stesso per il 2021. Solo così questi interventi possono scongiurare l’aumento delle rette”. I sindacati fanno riferimento al pacchetto di delibere che da settembre a dicembre 2020 ha messo a disposizione dei centri servizi ristori a copertura delle perdite di fatturato dello scorso anno. In queste delibere è stata anche introdotta la sperimentazione (fino al 2022) della quota sanitaria di accesso pari a 30 euro giornalieri a favore degli ospiti privi di impegnativa, con un investimento di oltre 21 milioni di euro. Un modo per limitare il numero di letto vuoti: “La disparità tra domanda e offerta di impegnative è grande e questo è un provvedimento tampone che abbiamo apprezzato. Tuttavia manca un’adeguata informazione alle famiglie che possono usufruirne. Ma noi crediamo che, alla fine, la vera soluzione sia un aumento delle impegnative e dell’importo della relativa quota sanitaria, fermo da 10 anni”.

Quota sanitaria che al momento si aggira sui 50 euro in media al giorno a carico della Regione, grazie ai quali un ospite in casa di riposo paga come quota alberghiera “solo” 1.800 euro. “Inutile dire che questo esborso è già di per sé rilevante, contando anche il livello della pensione media che supera di poco i mille euro al mese, e il fatto che nelle case di riposo sono ospitate persone fragili, per lo più donne, ultraottantenni e non autosufficienti”, considerano i sindacati dei pensionati. “Chiediamo quindi all’assessore Lanzarin di mantenere l’impegno di intervenire, affinché non vengano attuati aumenti delle rette che risulterebbero insostenibili sia per gli ospiti che per le loro famiglie”.

Da tempo Spi, Fnp e Uilp sia a livello regionale che provinciale, sottolineano le tante criticità del sistema di cura e assistenza degli anziani che questa pandemia ha evidenziato. “Non c’è più tempo da perdere: la Regione deve avviare al più presto la riforma delle Ipab, ed essere pronta a utilizzare le risorse che dovrebbero arrivare dal Recovery Plan per ripensare il sistema socio-sanitario. Adeguamento delle case di riposo, rafforzamento dell’assistenza domiciliare, potenziamento della rete territoriale devono essere i pilastri per rispondere ai nuovi bisogni derivanti dall’invecchiamento della popolazione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl