you reporter

LOREO

Green energy dal parco fotovoltaico

Concluso l’iter per la realizzazione di un progetto di “agrivoltaico” su 50 ettari di terreno. Zerbinati: “Contempla energia pulita e colture”,

Green energy dal parco fotovoltaico

Sarà il primo impianto “agrivoltaico” in Veneto, probabilmente il primo in Italia quello che si svilupperà a Loreo, dopo l’iter procedurale che si è concluso in Regione con il benestare della Sovrintendenza delle belle arti e del paesaggio. Un parco fotovotaico di 50 ettari, in piena aderenza alla transizione ecologica, di cui tanto si parla anche a livello governativo, che contempla coltivazioni e pannelli fotovoltaici con energia che arriva dal sole.

“Siamo contenti che si sia favorevolmente concluso l’iter complesso - spiega l’ingegner Luciano Zerbinati, fautore del progetto - Sarà il primo impianto di questo tipo in Veneto e probabilmente in Italia. Nel parco fotovoltaico progettato a Loreo i due terzi saranno coltivati a soia, cereali e foraggi, mentre nella restante parte saranno installati pannelli fotovoltaici”.

Il costo del progetto non può contare sulle sovvenzioni statali del conto energia, come gli scorsi anni, ma sarà a carico del privato, che potrà però contare sulla aumentata richiesta di energia pulita che fortunatamente sta aumentando in tutto il Paese e in Europa e ha oggi un prezzo interessante.

“Abbiamo anche recepito le osservazioni fatte in sede regionale - aggiunge l’ingegner Zerbinati - ovvero realizzare l’impianto in aree agropolitane, ovvero in aree agricole compromesse dall’urbanizzazione esistente e viciine a un punto di consegna Enel o Terna. Non poteva che essere approvato, una volta accolte le osservazioni di Sovrintendenza competente per il paesaggio e che il proponente ha condiviso”.

Con il nuovo “agrivoltaico”, dunque, si conserva l’attività agricola con prescrizioni severe e un monitoraggio delle coltivazioni che è eseguito in collaborazione con l’università di Padova, che ha fatto una valutazione agronimica dell’impianto. “Si sono espressi diversi accademici dell’università di Padova sull’impianto”, dice con orgoglio Zerbinati.

Esprime preoccupazione sullo sviluppo dei parchi fotovoltaici l’associazione di categoria Coldiretti. “Oltre a Loreo, giacciono negli uffici regionali altri progetti che interessano tutto il territorio regionale e che – se approvati – coinvolgeranno altri 200 ettari che si aggiungono ai 671 già consumati per fare posto ai parchi solari a terra. Sono sempre di più gli enti, le società finanziarie non agricole con dietro soggetti anche stranieri che investono su questa fonte rinnovabile adducendo interessi green e camuffando le operazioni come promozione di una cultura agro energetica a scapito delle imprese agricole che, con il terreno, operano per scopi naturali, per progetti di sviluppo ecosostenibili. Il tutto mentre aumenta la schiera di nuove generazioni di agricoltori che cercano proprio la disponibilità di terra per realizzare il proprio futuro e si vedono sottrarre questa opportunità”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl