you reporter

TRASPORTI PUBBLICI

Treno Chioggia-Rovigo, raccolte 400 firme

Il Circolo di Chioggia di Rifondazione Comunista continua la lotta a favore del potenziamento della linea ferroviaria Chioggia-Rovigo

77538

16/04/2021 - 08:35

Il Circolo di Chioggia di Rifondazione Comunista continua la lotta a favore del potenziamento della linea ferroviaria Chioggia-Rovigo e nella serata di mercoledì scorso ha organizzato un’assemblea online per parlare di questo tema, che è al centro del dibattito locale.

Rifondazione Comunista aveva già attuato alcune proteste contro l’idea di smantellare la linea ferroviaria e passare ad un trasporto su gomma. Questa volta, è stata lanciata una petizione online - presentata proprio nel presidio davanti al Municipio il 27 marzo scorso - che ha già raggiunto quasi 400 firme. Si tratta di un buon risultato che dimostra un particolare interesse da parte della popolazione nei confronti di questo tema.

Ma per aumentare il numero delle sottoscrizioni è stata effettuata proprio questa iniziativa online dal titolo “Potenziare la ferrovia Rovigo-Chioggia”. I partecipanti erano Francesco Zennaro di Rifondazione Comunista, Carla Neri di Insieme ArTe – Amare Chioggia, Giuseppe Boscolo Gioachina del Comitato Romea-Ferrovia, Stefano dall’Aglio, che fa parte del progetto “Scusate per il disagio”, Bruna Mestrini di Rifondazione Comunista di Venezia e infine Renato Peretti, di Rifondazione Comunista di Verona.

L’obiettivo è stato quello di ampliare la prospettiva riguardo la linea ferroviaria e iniziare a pensare ad un servizio più efficiente per il cittadino. In più, come spiegato dagli ospiti, il treno sarebbe sicuramente più ecosostenibile rispetto al trasporto su ruote e garantisce un minor rischio di incidenti. Inoltre, durante l’iniziativa i relatori hanno parlato anche del progetto della linea ferroviaria Chioggia-Piove di Sacco-Padova, della linea ferroviaria Rovigo-Verona, degli obiettivi del piano regionale dei trasporti, dei grandi investimenti destinati all’alta velocità a discapito delle linee locali.

Quindi, Rifondazione Comunista propone di non tralasciare la linea ferroviaria, ma rinnovarla e potenziarne il servizio affinché diventi una vera alternativa alle auto, per offrire un maggiore servizio ai cittadini che devono recarsi al lavoro o semplicemente spostarsi e anche agli studenti del territorio, che nella maggior parte dei casi si vedono costretti a spostarsi per recarsi all’università o a scuola.

Gi. Ba.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl