you reporter

MUSICA

Alberto Piva nella casa dei musicisti

Residenza che promuove progetti a 360 gradi e dove potersi dedicare a tutti i linguaggi artistici

Alberto Piva nella casa dei musicisti

17/04/2021 - 20:06

Il pianista rodigino Alberto Piva è tra i collaboratori dell’iniziativa il “Mulino del Ronzone-Centro d’arte e di musica nei luoghi di Leonardo”, che nascerà a Vinci, in provincia di Firenze, tra le verdi colline toscane. L’ambiziosa iniziativa del “Mulino del Ronzone” nasce qualche anno fa, con la volontà dei proprietari di trasformare la struttura, realizzando una residenza artistica a 360 gradi, dove potersi dedicare all’arte in tutte le sue forme, ponendo musica, scrittura, scultura, pittura, design e in parallelo, workshop, mostre, vernissage, istallazioni ed eventi culturali, come fulcro dell’opera. Grazie alla visione e alla collaborazione dell’associazione Suonamidite onlus (che ora è anche etichetta discografica, con un canale di distribuzione digitale aperto), che opera da oltre 13 anni sul territorio toscano, il “Mulino” si aprirà anche a progetti e laboratori residenziali, promuovendo progetti artistici, musicali e culturali di ogni genere.

Innamorato della musica fin da piccolo, il musicista polesano Alberto Piva approfondisce la sua passione diplomandosi in pianoforte al conservatorio Venezze, ampliando la sua cultura musicale, con i generi blues, jazz e gospel. Desideroso ed entusiasta di intraprendere il progetto del “Mulino”, Piva sarà una colonna portante nella prima fase di avviamento delle attività, avendo cura di gestire la parte tecnica delle sale di registrazione, dedicandosi in particolare alle macchine e agli ambienti durante le fasi di ripresa e mixaggio. “Lo studio prevede l’allestimento di due sale di produzione audio-video, finalizzate alla creazione di contenuti e di supporto a musicisti e piccole ensemble musicali -dice Alberto Piva - con la presenza di professionisti in grado seguire e realizzare percorsi di produzione completi, giungendo sino alla distribuzione”.

L’incontro con il cantautore e musicista toscano Mario Costanzi, precursore del progetto, gli ha regalato la possibilità di approdare al lavoro del “Mulino”, portando alla luce il desiderio di dedicare grande spazio al mondo dell’arte e alla creatività degli artisti. “Durante il mio percorso musicale, ho avuto la possibilità di conoscere e incontrare artisti di talento, cresciuti come me in Polesine, anticipando a molti la proposta di vistare il Mulino, con la speranza, chi lo sa, di aprire in futuro delle possibili collaborazioni musicali”, dice Piva. Il lavoro “dietro le quinte” sarà intenso e fruttuoso, ma lo spazio per dedicarsi a qualche progetto artistico personale, sia come pianista che come arrangiatore, Alberto Piva lo custodisce ancora chiuso in un cassetto, pronto per essere realizzato.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl