you reporter

Chioggia

I ristoratori scendono in piazza

Non solo restrizioni e ristori: nel mirino ci sono anche nuova Ztl, bollette Tari e plateatici. Il sostegno del Sindacato di Polizia

I ristoratori scendono in piazza

I ristoratori di Chioggia scendono in piazza per chiedere i ristori e protestare contro la Ztl e le bollette Tari. E’ fissata per le 18 di oggi, sabato 17 aprile, la manifestazione del gruppo Esercenti commercianti Chioggia, davanti il palazzo del municipio. In particolare, i partecipanti saranno i ristoratori della zona che a causa della situazione pandemica e delle disposizioni del governo da mesi ormai non possono svolgere normalmente la loro attività di ristorazione.

Tutto questo si traduce ovviamente in una grave perdita economica e i ristoratori si trovano ulteriormente in difficoltà. “Siamo in una situazione difficile - spiega Felice Tiozzo, proprietario del ristorante ‘La Taverna da Nadia e Felice’ di Chioggia e organizzatore della manifestazione - la protesta avverrà per vari motivi: non abbiamo ancora ottenuto i ristori acqua alta mentre a Venezia sono già disponibili; poi, riteniamo che l’idea della Ztl in centro storico sia assurda vista la difficoltà di trovare parcheggio. In più, manifestiamo anche riguardo l’imposta Tari e per la decisione del sindaco Ferro di concedere i plateatici gratuitamente solo fino a giugno, per ora”.

Considerando l’insicurezza di poter riaprire nei prossimi mesi e le difficoltà già vissute nei mesi scorsi, i ristoratori non ci stanno e hanno deciso quindi di manifestare. Questa iniziativa ha trovato supporto anche da parte del senatore Luigi Paragone, che contemporaneamente alla manifestazione farà una diretta Facebook proprio per sostenere i manifestanti. Inoltre, hanno annunciato la loro presenza anche alcuno consiglieri regionali. “Vogliamo manifestare anche per la mancanza di solidarietà che abbiamo riscontrato da gruppi e associazioni locali. Avremmo dovuto avere il sostegno di molti ma al contrario non ci è stato dato aiuto”, dichiara Felice.

Anche il sindacato Fsp Polizia è vicino agli esercenti: “Siamo al vostro fianco per una manifestazione pacifica”. Il segretario generale Mauro Armelao si augura che tutto si svolga nel massimo rispetto delle regole: “Esprimiamo la nostra piena solidarietà e vicinanza nei confronti di tutte queste categorie economiche che in questi difficili mesi hanno visto le loro attività chiuse o comunque costrette a lavorare con i servizi d'asporto e altro riducendo anche del 80%, 90% il lavoro a causa dei vari Dpcm. Il protrarsi di questa situazione ha infatti portato i cittadini che sono stati duramente colpiti da questi provvedimenti a scendere in piazza in più parti d'Italia per far valere le loro ragioni. Come Fsp Polizia, diciamo che non possiamo esimerci dal nostro lavoro e cioè garantire l'ordine e la sicurezza pubblica di tutti e il rispetto delle eventuali prescrizioni che saranno date per lo svolgimento delle manifestazioni, ma è giusto che si sappia che il nostro appoggio alle categorie duramente colpite è totale. A Chioggia in piazza ci saremo anche noi a fianco delle categorie economiche per esprimere la nostra vicinanza e solidarietà".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl