you reporter

comune

Campi sportivi, manovre di guerra

L’assessore prova a disinnescare la miccia: “Convocherò le associazioni”. Prima gara per Grignano.

Campi sportivi, manovre di guerra

21/04/2021 - 20:17

Si partirà dal campo sportivo di Grignano, poi gli altri impianti sportivi, e infine il bando per lo stadio Gabrielli. Potrebbe essere questa la road map del Comune di Rovigo per l’assegnazione degli impianti di calcio in vista della prossima stagione sportiva. E che l’attesa sia tanta lo dimostra la riunione della commissione comunale sullo sport che si è riunita martedì scorso. Una riunione dove sono stati espressi dubbi, sollecitato il Comune a fare presto, e sottolineata l’esigenza di salvaguardare le associazioni del territorio ed evitare scontri fra i vari gruppi sportivi.

Perché, inutile nasconderlo, da giorni è in atto una guerra non dichiarata, che ha come “bottino” finale la gestione dello stadio Gabrielli. Alla quale punta sia il Rovigo calcio, che l’ha gestito anche in questa annata, sia l’insieme di società Rovigo x Rovigo, che quest’anno ha utilizzato due campi minori ma che vorrebbe allargare i propri orizzonti.

“L’obiettivo - dichiara l’assessore allo sport Erika Alberghini - è di evitare scontri e polemiche. Prima di far uscire bandi e manifestazioni di interesse convocherò tutte le associazioni sportive per sentire le loro esigenze ed illustrare come il Comune intenderà muoversi. So bene che i tempi cominciano ad essere stretti, e per questo occorre accelerare. Gli uffici lo sanno e stanno predisponendo i bandi”.

Fra i paletti che il Comune potrebbe inserire nelle “gare” per la gestione dei campi c’è la possibilità di presentare domanda solo per un impianto. Un modo per escludere la corsa a presentare candidature multiple. In questo modo i pretendenti al bersaglio grosso, ossia il Gabrielli, aspetteranno il bando per questo impianto per giocarsi tutte le loro carte.

Ma come si diceva, e come è emerso anche in commissione, i tempi sono stretti. E su questo hanno puntato le sollecitazioni dei consiglieri comunali. Michele Aretusini, capogruppo della Lega, insiste sul criterio “della territorialità, per agevolare le associazioni del territorio”. Aspetto sul quale sono al lavoro gli uffici del settore sport di palazzo Nodari, che devono però fare i conti con la normativa del settore.

Il percorso immaginato dall’assessorato allo sport prevede che si parta dalla manifestazione di interesse per il campo di Grignano. Non un bando, quindi, ma una gara che in caso di una sola candidatura potrà essere risolta con un’assegnazione diretta ed una convenzione fra Comune e associazione sportiva. A seguire ci sarà una manifestazione di interesse per tutti gli altri impianti sportivi comunali ad esclusione del Gabrielli. In questo caso l’obiettivo è permettere ad ogni associazione di presentare domanda per un singolo impianto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl