you reporter

Chioggia

Il gatto, i bimbi e la casa della strega

L'edificio, lasciato nel degrado, si narra che fosse abitato da una fattucchiera che rapiva i neonati

Il gatto, i bimbi e la casa della strega

A pochi passi dal centro storico, è possibile osservare una casa ormai antica, ma che comunemente viene chiamata “la casa della strega”. L’edificio, che si trova davanti al ponte Scarpa, chiamato anche ponte dei “Mustaceti”, è protagonista di una particolare credenza popolare: infatti, pare che in questa casa abitasse una strega, una fattucchiera, che rapiva i bambini per portarli all’interno della casa. La popolazione, stanca della situazione e dei continui rapimenti della strega, tese una trappola alla strega che venne così catturata. Per sigillare ed evitare che la fattucchiera o altre streghe potessero tornare nuovamente, venne posta una edicola, in una nicchia della facciata, raffigurante una Madonna con Bambino, visibile ancora oggi.

Un’altra leggenda, invece, narra che i primi proprietari dell’abitazione, amanti del teatro, lasciavano la donna di servizio a casa ad aspettarli. La donna, dopo aver finito i lavori domestici, si mise a mangiare semi di zucca. Le si avvicinò un gatto al quale la donna scherzando offrì alcuni semi. Ma il gatto le rispose e lei, impaurita, prese un legno per colpirlo, identificandolo col demonio. Il gatto, nel tentativo di scappare, con porte e finestre chiuse, con la testa fece un buco proprio nel posto dove i padroni sistemarono il capitello. Il fatto che, nella tradizione popolare, il gatto sia simbolicamente una delle sembianze in cui si presentano le streghe e si introduce nelle case per portar via i bambini piccoli, potrebbe aver collegato questa leggenda a quella precedente.

Ovviamente si tratta di una leggenda locale inventata, ma è sicuramente molto interessante, non solo per gli appassionati, ma per tutti i visitatori che vogliono sapere qualcosa in più dei palazzi e delle case che circondano il centro storico. Attualmente la casa è inabitata e lasciata in uno stato di degrado: per questo motivo, durante lo scorso mese di ottobre, sono addirittura caduti anche dei pezzi di cornicione. Una cosa che poteva mettere a rischio i passanti, essendo una zona abbastanza frequentata. La “casa della strega”, se ristrutturata nel modo giusto, potrebbe diventare anche un’ottima meta turistica da poter ammirare o visitare. Si tratta pur sempre di un edificio storico della città, con una curiosa storia locale e culturale alle spalle.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl