you reporter

L’INTERVISTA

“La nostra Isola sempre più green”

Il direttore Rosatti: “Sarà un’estate in cui vivere i grandi spazi in sicurezza fra verde, attività fisica e divertimento”

“La nostra Isola sempre più green”

29/04/2021 - 20:21

Arrivare ad Albarella in questi giorni, con la stagione turistica che sta per cominciare, quando fuori il sole inizia a scaldare le ossa e tutt’intorno è un fiorire di lavori, è un vero toccasana. Fa capire che ci siamo... Mauro Rosatti è il direttore di Albarella. E’ lui ad avere in mano i fili di una gestione da cui ogni estate ci si aspetta sempre qualcosa di più; qualcosa di bello e innovativo.

Direttore, la stagione sta per cominciare...

“Incrociamo prima di tutto le dita per il meteo: speriamo ci aiuti in questa fase di avvio della fase ristorativa, che comunque non ha mai smesso di funzionare grazie al delivery, che è stata un’opzione gradita da parte dei nostri ospiti. Del resto, avere a disposizione i grandi spazi della nostra isola, la possibilità di fruire di ampi giardini e terrazzi riservati, di aree amplissime all’aperto, lungo le spiagge e sui fiordi darà la possibilità anche in futuro, per tutto il corso dell’estate, di rispettare le regole e di fruire di questi grandi spazi in sicurezza”.

Adesso c’è una stagione da affrontare. A che punto siete?

“Quest’anno abbiamo un’esperienza in più; quella che un anno fa ci ha consentito di vivere un’estate in sicurezza. Sulla base di questo, e delle norme che sono cambiate, le regole sono state ovviamente migliorate e perfezionate. E poi abbiamo i vaccini... Il territorio è stupendo e con un indice di contagio molto basso; particolare senza dubbio importante per spingere il turismo di questo Delta che è bellissimo. In un momento in cui a livello non solo italiano ma internazionale il turismo green sta prendendo piede, sarà un’opportunità che dovremo sfruttare al meglio”.

In questi anni Albarella si è via via trasformata grazie ad una vocazione green e con iniziative legate alla sostenibilità ambientale. Questa scelta di campo andrà avanti?

“L’Isola è nata con questo spirito; segue questa vocazione fin dall’origine grazie ad una grande vision green che abbiamo sempre rafforzato e declinato in tutti i possibili aspetti. Pensate che siamo un’isola che può ospitare fino a 12mila persone in 600 ettari, un territorio enorme dove la parte naturale è di gran lunga prevalente rispetto a quella costruita e dove abbiamo la possibilità di gestire in forma privata tutti i servizi. Questo ci consente ad esempio di ottenere altissimi livelli di raccolta differenziata, o di presentarci con un’illuminazione a led completamente rinnovata. Dopo il terribile evento del 2017 (la tromba d’aria che devastò Albarella Ndr) abbiamo messo in campo un grande progetto di arricchimento della biodiversità nell’isola, per vivere davvero immersi nella natura. E’ questo l’invito che facciamo al nostro ospite”.

Con una metafora sportiva si potrebbe dire che Albarella è ai nastri di partenza. A proposito di sport: quest’anno cosa pensate di proporre ai vostri ospiti?

“Albarella è l’isola dello sport. E lo sport è rappresentato in tutte le forme. La nostra stagione si aprirà con “Palestre all’aperto” per dare un segnale di ripartenza alle palestre che in questo periodo sono state fra le attività più penalizzate. Mettere i nostri spazi a disposizione delle palestre del territorio è un’opportunità che ci stimola molto. Lo sport in Isola, del resto, non si è mai fermato. Il nostro bellissimo campo da golf 18 buche, gestito da Play Golf 54, è stato frequentato in questo periodo dagli appassionati ma anche da tante persone che hanno deciso di avvicinarsi ad uno sport che permette di godere di ampi spazi a contatto con la natura. Il nostro, poi, è un campo unico nel suo genere ed è parte del grande circuito dei cinque campi veneti più importanti, a cui quest’anno si è unito anche quello di Cortina. Ma lo sport per noi è una presenza a 360 gradi. Penso alla collaborazione con il Coni, con le podistiche rodigine, con lo Skating Rovigo che si aggiungono alla storica collaborazione con il rugby Rovigo”.

Magari aspettate i Bersaglieri in ritiro con un regalo speciale...

“Lo scorso anno di portarono la Coppa Italia...”.

Direttore, la domanda delle domande, quella che ogni tanto ci si sente rivolgere: ma perché devo andare ad Albarella?

“Perché Albarella è nel Delta del Po, un luogo meraviglioso in cui si possono ammirare albe e tramonti spettacolari come in poche altre realtà. E poi questi nostri grandi spazi verdi nella natura sono un unicum a cui si aggiungono anche i servizi che riusciamo a fornire agli ospiti. Penso alla possibilità - come dicevamo - di fare sport; o all’opportunità per le famiglie e i bambini. In isola abbiamo un grande spazio giochi, AlbarellaLand, a cui quest’anno aggiungeremo aggiungeremo AlbarellaSplash, un parco acquatico al centro delle nostre piscine. Sarà un’estate importante per abbandonare la Dad che ha tenuto tutti in casa e godersi in totale sicurezza grandi spazi verdi e una spiaggia davvero unica”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl