you reporter

PARCO E PIANO NAZIONALE

“La grande sfida: spendere bene”

I sindaci Maura Veronese e Roberto Pizzoli: “Abbiamo già idee, progetti e competenze”

“La grande sfida: spendere bene”

30/04/2021 - 01:16

Grazie al Recovery Found, il Parco del Delta del Po adesso ha davvero di fronte una prospettiva nuova. Infatti sono in arrivo 55 milioni di euro ripartiti tra la parte veneta, 25milioni, e la parte emiliana, 30milioni. Quindi ci sarà una vera e propria ripartenza e una ulteriore valorizzazione del Parco del Delta del Po. Ci saranno, secondo i primi progetti, ai quali certamente ne seguiranno altri, punti di accoglienza che cureranno ospitalità, informazione, didattica ambientale, il tutto nel quadro del piano di ripartenza e resilienza.

I sindaci di Porto Viro, Maura Veronese, e di Porto Tolle, Roberto Pizzoli, che fanno parte del consiglio di amministrazione dell’Ente Parco, esprimono la loro profonda soddisfazione per questa importantissima notizia.

“Mi unisco alla soddisfazione del presidente della Regione Luca Zaia, dell’assessore regionale Cristiano Corazzari, e del presidente dell’Ente Parco, Moreno Gasparini – afferma Maura Veronese, sindaco di Porto Viro - E’ un’importante fetta di risorse che proviene dal Recovery Found e arriva nel nostro territorio. Ora dobbiamo affrontare la sfida più importante, ovvero utilizzare al meglio questi fondi. Ovviamente saranno destinati allo sviluppo delle vocazioni del nostro territorio: il verde, la mobilità, la tutela ambientale, il turismo e la visitazione del territorio. Oggi l’impegno più grande all’interno di questi filoni sono le iniziative sostenibili. Ci sono i finanziamenti e abbiamo anche le capacità per portare i progetti a termine. Nel prossimo incontro formale sarà il dossier più importante per il direttivo del nostro Parco del Delta del Po”.

“La soddisfazione è sicuramente entrare all’interno della suddivisione dei fondi del Recovery Found – aggiunge Roberto Pizzoli - E’ un riconoscimento per questo territorio che è anche strategico. Sono finanziamenti che arrivano dall’Europa attraverso il piano nazionale di ripresa e resilienza, il cosiddetto Pnrr, approvato dal parlamento. E’ davvero una bella soddisfazione per il Parco. E ci sono già dei progetti strategici. Nei prossimi incontri del direttivo vedremo come e cosa fare. Abbiamo presentato progetti collegati allo stanziamento dei finanziamenti. Si tratta di risorse da destinare a percorsi turistici e naturalistici, alle piste ciclabili, alle offerte dal punto di vista culturale e museale. Sono interventi mirati a potenziare la nostra offerta turistica, quindi abbiamo anche la necessità di fare più opere. Vedremo di sviluppare la questione nel migliore modo possibile. Faremo comunque prima di tutto un’assemblea dei sindaci del Parco in modo da coinvolgere tutti i comuni in modo da fare rete attorno alle priorità che saranno individuate come strategiche per il futuro”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl