you reporter

IL CASO

“Rischiamo la chiusura delle scuole”

Pasquali: “Sindaco e vicesindaco si attivino per un’azione forte nei confronti dell’ufficio provinciale”

“Rischiamo la chiusura delle scuole”

“E’ inconcepibile chiudere due classi prime: questa potrebbe essere l’anticamera della chiusura dei plessi. Il sindaco e il vicesindaco devono attivarsi e farsi promotori di un’azione forte nei confronti dell’ufficio provinciale di Venezia”. Il consigliere Emanuele Pasquali ritorna sulla questione scuole, evidenziando ancora una volta la probabile chiusura per il prossimo anno scolastico non solo di una prima elementare, ma ben due: si tratta delle sezioni della scuola “Lombardini” di via Piave e della “Lombardo-Radice” della frazione di Boscochiaro.

“Durante la commissione consiliare dello scorso mercoledì sera, a seguito della presentazione del piano per la scuola di Boscochiaro, il vicesindaco Paolo Fontolan ha comunicato che la prima di Boscochiaro non verrà attivata, e i bambini verranno spostati d’ufficio in una delle scuole elementari del capoluogo, la Dante Alighieri” ha riportato il consigliere Pasquali. “La Lombardini già figurava senza più nuovi iscritti, mentre erano rimasti gli 8 bambini a Boscochiaro - riprende - ora però la classe non è più sicura, e forse ne nascerà una mista”. “Sabato scorso la dirigente scolastica aveva convocato i genitori di prima e seconda, comunicando che probabilmente la prima di Boscochiaro non sarebbe stata attivata - continua Pasquali - e successivamente ha chiesto loro, tramite un’email, se fossero d’accordo per una pluriclasse a Boscochioaro. Tutto ciò è stato fatto in maniera informale”.

La situazione delle scuole del territorio tra l’altro sarà uno dei punti previsti all’ordine del giorno del consiglio comunale che si terrà questa sera, e il consigliere Pasquali ha preannunciato di voler presentare un documento durante la seduta per far sì che il comune si attivi al fine di mantenere viva la classe prima nella frazione.

Nel documento che presenterò al consiglio comunale ho fatto inserire il problema del Covid, visto che la normativa spiega la possibilità di derogare il numero di alunni delle scuole, così da dislocarli ai fini della sicurezza sanitaria, al fine di mantenere un certo numero di alunni per classe - ha spiegato - è inconcepibile chiudere due classi prime in un anno: l’assessore Fontolan insieme al sindaco Tommasi devono attivarsi e farsi promotori di un’azione forte nei confronti dell’ufficio provinciale di Venezia, visto che ancora non si è fatto nulla”.

“Nel frattempo il comitato che si era attivato già lo scorso anno per salvare la scuola di Boscochiaro si sta rimettendo in moto - conclude - noi non ci stiamo: sul totale di quattro prime che si sarebbero dovute attivare, alla fine ne partiranno solo due. Il problema è che ho paura che questa possa essere l’anticamera della chiusura definitiva delle due scuole che rimangono orfane della loro classe prima”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl