you reporter

PROFESSIONI

Patto di ferro tra cuochi polesani

Fabrizio Rivaroli scelto come presidente: “Faremo anche eventi di sostegno al sociale”

Patto di ferro tra cuochi polesani

03/05/2021 - 18:01

Nasce l’Associazione Cuochi del Polesine. Che nella nostra provincia la buona cucina sia cosa riconosciuta da tutti è cosa nota, così come è noto il fatto che molti sono i cuochi e gli appassionati che tra i fornelli danno il meglio e riescono a portare in alto gli ottimi prodotti del nostro territorio.

Nei giorni scorsi, a sugellare questo matrimonio tra territorio e cucina, ci ha pensato un gruppo di professionisti che ha dato vita alla associazione Cuochi del Polesine che, come si legge nell’atto costitutivo, “è parte integrante della Unione regionale cuochi veneto ed aderisce alla Federazione italiana cuochi”, ed è nata con l’intento di “perseguire lo scopo di raccogliere ed unire intorno ad essa i cuochi, coloro che hanno esercitato la professione, i sostenitori della categoria e gli insegnanti tecnico pratici ed allievi degli istituti e delle scuole alberghiere, operanti nella città e nella provincia di Rovigo, per dar vita ad uno spirito unitario di categoria, al fine di raggiungere un maggior prestigio ed una migliore condizione sociale e professionale”. Una realtà associativa che mancava da oltre quindici anni nella nostra provincia e che, almeno dalle prime reazioni, sembra partita proprio con il piede giusto.

I pionieri e fondatori di questa neonata associazione sono gli chef Fabrizio Rivaroli nominato presidente, Enrico Rizzato della trattoria Al Ponte vicepresidente, Gianuario Nunzio D’Agrosa del ristorante veronese Da Gian eletto tesoriere, Elena Raffa segretaria e Stefano Verza consigliere. L’associazione Cuochi del Polesine ha inoltre lo scopo di costituire, “nei confronti di istituzioni ed enti, la rappresentanza sul territorio provinciale, di coloro che si dedicano all'attività culinaria professionale o ne sostengono lo sviluppo e la promozione, creando così occasioni di incontro e dibattito sui problemi della categoria e favorendo la migliore conoscenza e cooperazione fra soggetti che operano nel settore”.

A tenere le redini di questo battesimo, lo chef Rivaroli, perugino, classe 1980 che, dopo essersi diplomato all’istituto alberghiero di Assisi con ottimi voti, parte alla scoperta delle varie cucine d’Italia e d’Europa toccando locali prestigiosi, nonché stellati. “La voglia di fare è tanta - ci dice lo stesso Rivaroli - la nostra categoria ha assolutamente bisogno di essere rappresentata e di crescere ulteriormente cercando di portare sviluppo anche ad un territorio, come il Polesine, che ha delle risorse davvero grandi. Progetti in testa ne abbiamo moltissimi - continua - eventi di sostegno al sociale, cene di beneficenza per le persone in difficoltà, la realizzazione di un libro con ricette del territorio e molto altro”.

Prima operazione dell’associazione è stata la promozione di un concorso in collaborazione con il settore di operatore alle vendite della scuola professionale Enaip di Rovigo, per la realizzazione del logo da parte degli stessi studenti ai quali verranno consegnati dei premi. “La presentazione ufficiale dell’associazione avverrà il prossimo 24 maggio alla presenza del presidente della Federazione nazionale cuochi, Rocco Pozzulo”, conclude Rivaroli lasciando intuire che le sorprese in serbo sono davvero molte.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl