you reporter

SANITA’

Alienazione Cittadella, tutto da rifare

L'asta è andata deserta, Munari (Lega) ottiene dal sindaco Tommasi che l'ordine del giorno sia condiviso in Conferenza dei sindaci

Alienazione Cittadella, tutto da rifare

Rinviato l’ordine del giorno riguardante l’alienazione della Cittadella socio sanitaria e il consigliere Munari sbotta: “Dobbiamo interagire con comuni limitrofi di Cona e Chioggia per poter avere un documento unico, approvato anche da loro, così da dargli più forza e solidità”. Se ne è discusso durante la seduta del consiglio comunale dello scorso venerdì sera, con la lettura da parte del sindaco Henri Tommasi del documento che descrive la situazione riguardante l’alienazione della Cittadella socio sanitaria.

Il sindaco, quindi, ha iniziato a leggere l’ordine del giorno in approvazione, documento con il quale l’amministrazione comunale richiede alla Regione e all’Ulss 3 che, dopo l’alienazione della struttura, “vengano garantite tutte le prestazioni attualmente esistenti disponibili negli ambulatori della cittadella; che sia garantita la gestione della comunità terapeutica riabilitativa protetta per pazienti psichiatrici, destinata a passare dai 9 attuali posti letto ai 14 preventivi; venga considerata la possibilità di inserire all’interno della struttura l’ospedale di comunità; che l’introito derivante dall’alienazione delle quote societarie della società della cittadella, e dalla dismissione del complesso patrimoniale individuato dal bando, non venga utilizzato solamente per ristrutturare l’immobile ma venga interamente investito su servizi rivolti all’area sud della provincia di Venezia, con particolare attenzione ai servizi rivolti alla comunità cavarzerana”.

Tra l’altro, il sindaco ha informato che fino a venerdì era pervenuta una sola offerta a base d’asta per l’acquisto della cittadella, ma che è risultata anomala, e di conseguenza questa settimana verrà aperta una seconda asta.

Subito dopo la parola è passata al consigliere comunale della Lega, Pierfrancesco Munari, il quale ha chiesto la convocazione di una Conferenza dei sindaci, con Cona e Chioggia, sottolineato che “se il documento riguardasse anche tutti e tre i comuni, di sicuro avrebbe più forza”. “Sarebbe utile proporre e votare l’ordine del giorno in Conferenza dei sindaci per poi farlo passare in tutti e tre i consigli comunali - le sue parole - propongo di ritirarlo e di interagire con comuni limitrofi, per poi avere un documento unico che avrà più valore di questo, con una forza e solidità maggiore. Visto l’argomento ritengo necessario chiedere una commissione in presenza - ha spiegato - anche all’aperto, nel rispetto delle regole anticontagio, richiedendo anche la presenza del direttore generale dell’Ulss 3 Edgardo Contato”.

La parola è poi rimbalzata al sindaco Tommasi, che ha informato come “l’iter dura da anni, ora siamo in fase esecutiva, ma non mi oppongo al rinvio del documento per l’approvazione da parte dei tre consigli comunali”. Tommasi quindi ha accettato di portare l’odg alla Conferenza dei sindaci per poterlo eventualmente integrare. Poi, anche il consigliere Emanuele Pasquali ha preso la parola, sottolineando come “i 4 milioni della cittadella devono restare nel territorio”. “Lo dobbiamo ai nostri anziani e ai servizi che devono restare - ha chiosato - abbiamo bisogno di quei posti dell’ospedale di comunità: le famiglie non possono fare decine chilometri per andare a Chioggia ad assistere gli anziani. Dobbiamo avere un presidio dell’ospedale di Chioggia qui nel territorio. Ma se continuiamo a non dare servizi ai cittadini, i cittadini continueranno ad andarsene”.

Il sindaco Tommasi ha infine concluso: “In questi anni ne è stato discusso in varie circostanze, ma il problema è che è stata la Regione a non aver voluto investire nel territorio, non l’Ulss. Ormai siamo nella fase di gara, quella finale: speriamo che la procedura venga chiusa e che qualche privato voglia investire nel nostro territorio”. L’argomento quindi si è chiuso con il rinvio del punto all’ordine del giorno, e la prospettiva di fissare, in tempi brevi, l’incontro con le amministrazioni dei comuni di Chioggia e di Cona per la riformulazione del documento da presentare a regione e Ulss3.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl