you reporter

LA FONDAZIONE

Rovigo Cultura, ente “monco”

Un mistero il perché delle dimissioni del presidente Secchiero. Tovo: “Il suo era un mandato tecnico”.

Rovigo Cultura, ente “monco”

11/05/2021 - 18:27

Sandro Secchiero, commercialista di Rovigo, è ancora presidente “pro tempore” della Fondazione Rovigo Cultura, ma di fatto da almeno un anno l’ente lavora senza risorse e senza una struttura, nonostante abbia in carico un settore su cui l’amministrazione Gaffeo punta da sempre come volano per la città: la cultura.

Da un anno si attende la sostituzione di Stefano Romani, che si è dimesso un anno fa dal cda, mentre il presidente Secchiero ha di recente dato le sue dimissioni. Notizia che si è appresa durante il consiglio comunale del 29 aprile scorso, grazie a un’interrogazione del consigliere comunale della Lega Valentina Noce, ex vicepresidente della Fondazione.

Le motivazioni dell’abbandono di Secchiero non sono mai state ufficialmente date dal diretto interessato, mentre l’assessore alla Cultura Roberto Tovo nicchia: “Il mandato di Secchiero era un mandato tecnico. Doveva sistemare l’ente amministrativamente, cosa che ha egregiamente fatto, anche questioni di dare avere con l’amministrazione comunale”.

E sui nomi papabili al posto di Secchiero e Romani non si sbilancia: “E’ ovvio che non posso, vista la situazione di stallo in cui si trova adesso l’amministrazione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl