you reporter

ISTRUZIONE

Estate a scuola, “ma con quali risorse?”

Una dirigente: “Progetti tutti da inventare, organizzare, personale stanco. Bella idea, ma come?”.

Estate a scuola,  “ma con quali risorse?”

Scuole aperte per tutta l’estate, con attività per gli studenti, in modo da aiutarli alla socialità persa a causa dell’emergenza Covid e aiuti alle famiglie (l’animazione estiva arriva a costare anche 600 euro se i figli sono più di uno). Il piano “Scuola estate 2021” del ministero dell’Istruzione piace tanto alle famiglie e alle tante associazioni che potrebbero usufruire di spazi all’aperto già organizzati e finanziamenti statali, ma fa mettere le mani ai capelli ai dirigenti scolastici.

Lunedì scorso c’è stato un incontro con le scuole di tutte le province sul tema con la dirigente dell’ufficio scolastico regionale Carmela Palumbo. E già due sono state le riunioni dei dirigenti rodigini con l’assessore comunale all’Istruzione Roberto Tovo. Ma i tempi sono strettissimi e a volte inconciliabili: per partecipare ai bandi statali, per organizzare la struttura, per contemperare ferie di docenti e personale.

Senza contare la stanchezza generale nel personale scolastico, compresi i dirigenti, accumulato in due cicli scolastici in piena pandemia e in emergenza continua. “E’ un bellissimo piano - premette la dirigente dell’Istituto comprensivo 1 di Rovigo Maria Rita Pasqualin - ma per programmare queste attività, non sappiamo ancora quanti soldi avremo, come li potremo spendere. Siamo a metà maggio e ci sarebbero tre fonti di finanziamento, due con bandi Pon a cui noi in autonomia potremmo aderire fino al 21 maggio. Noi abbiamo intenzione di aderire, ma anche se presenti il tuo progetto, non è detto che venga finanziato, quindi non riusciamo a programmare nell’incertezza. La seconda fonte di finanziamento è un altro bando che ancora non chiaro. La terza sono altri finanziamenti, che non sappiamo quando arriveranno e se arriveranno. Tra l’altro io progetto sulla base dell’entità del finanziamento, quindi attualmente è estremamente difficile individuare il modus operandi”.

Eppure tanti genitori che hanno saputo dell’opportunità di intrattenere i figli a scuola in estate, hanno già chiamato per avere delle informazioni. Già, le famiglie sono ai nastri di partenza, perché la scuola finisce il 5 giugno e molti si sono già organizzati con l’animazione estiva.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl