you reporter

casa di riposo

“Iras in crisi, restituire Casa Serena”

Moretto (FdI): “Immobilismo degli enti, trasferire gli ospiti a San Bortolo per evitare tagli e privatizzazioni”

“Iras in crisi, restituire Casa Serena”

16/05/2021 - 23:42

Appello per salvare l’Iras. Moretto chiede al commissario che gestisce l’istituto per anziani di restituire la gestione di Casa serena al Comune, e di trasferire gli ospiti anziani nella struttura di San Bortolo. Un modo per evitare tagli al personale e privatizzazioni. L’appello lo lancia il consigliere comunale di Fdi Mattia Moretto. “In attesa - dice - che il teatrino del Sindaco di Rovigo finisca sta passando in silenzio l’oramai consolidata crisi dell’Iras di Rovigo”.

Il consigliere di Fdi spiega che “nel 2016 la Regione ha commissariato l’Iras con 3 commissari che ad oggi si sono succeduti senza che nessuna azione concreta e definitiva sia stata effettuata. La situazione attuale, è di molto peggiorata. Nell’ottobre del 2016 il primo commissario nominato ha chiuso la struttura del cosiddetto nucleo rosso di San Bortolo in grado di accogliere 44 posti letto accreditati dalla Regione con il servizio importante del ‘Dopo di noi’. E’ di questi giorni la triste notizia che si sta chiudendo un nucleo della struttura denominata Casa albergo di San Bortolo, anche questa accreditata dalla Regione Veneto, a seguito di lavori obbligatori di messa a norma con capienza di 96 posti letto di persone non autosufficienti suddivisi in 4 nuclei da 24”.

In definitiva, la struttura “da 96 posti letto ne avrà 72. Quindi a San Bortolo, a fronte di 3 strutture accreditate ad accogliere 261 ospiti non autosufficienti, e a fronte delle cessazioni di servizi, le strutture di San Bortolo avranno 68 ospiti in meno, con conseguente riduzione di personale. Casa Serena, e questo si evince dai bilanci, è da molto tempo che viaggia a scartamento ridotto. Sono assistiti circa 50 ospiti non autosufficienti a fronte di 100 posti letto accreditati, con costi fissi insostenibili”. Moretto sottolinea che “visto l’immobilismo e l’incapacità del Comune di Rovigo e delle amministrazioni che si sono succedute dal 2016 ad oggi a proporre ed ottenere soluzioni con forza alla Regione, prodromiche ad avere posti letto diversificati mi vedo costretto, per tentare di salvare il salvabile, a suggerire al commissario regionale e alla direzione Iras di cessare immediatamente la gestione di Casa Serena da parte dell’Iras e restituirla al proprietario (Comune di Rovigo), con ristoro delle spese di investimento sostenute dall’Ira. Gli attuali ospiti di Casa Serena troverebbero tutti una dignitosa collocazione nelle strutture di San Bortolo e il personale tornerebbe a lavorare a San Bortolo”. Moretto aggiunge che “Non vorrei che per colpa di scelte non fatte negli ultimi 10 anni, eventuali criticità ricadessero sul personale, con tagli e privatizzazioni, o gestioni di nuclei affidate a cooperative”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl