you reporter

DIRITTI UMANI

“Diversità sessuale, basta tabù”

Silvia Mesin: “Ognuno di noi è unico, dobbiamo riscoprire la bellezza nella nostra diversità”

“Diversità sessuale, basta tabù”

19/05/2021 - 12:11

Un video ed un’intervista per celebrare la Giornata internazionale contro omofobia, bifobia e la transfobia: la videoconferenza è disponibile sul sito web del comune, cliccando sulla finestra “diretta del consiglio comunale”. Con questa iniziativa il comune, in collaborazione con la psicologa e pscicoterapeuta Silvia Mesin e l’aberghiero Cipriani, ha offerto una riflessione sul tema, sempre al centro di grande attenzione ma anche di polemiche, come sta evidenziando in questi giorni l’acceso dibattito sul ddl Zan.

All’evento hanno partecipato il sindaco Omar Barbierato, la stessa Mesin, Remo Agnoletto presidente del Centro di documentazione polesano, ed una rappresentanza di studenti del Cipriani, formati come peer educator, ovvero educatori alla pari per i propri compagni, insieme ai loro insegnanti. “Ci siamo resi disponibili – esordisce Alessia, una studentessa in collegamento - per supportare l’attività del team bullismo d’istituto, perché crediamo fermamente che la provenienza, il colore della pelle, la religione, le idee, i gusti, l’orientamento sessuale, non debbano essere tabù e neppure oggetto di discriminazioni o violenze, ma occasione di crescita per tutti. Ognuno di noi – prosegue la giovane - è diverso ed unico, dobbiamo riscoprire quanta bellezza c’è nella nostra immensa diversità”.

Da parte sua il primo cittadino sottolinea l’importanza di “rivolgere il messaggio ai giovani, perché si facciano protagonisti attivi per rendere migliore il mondo”. Di grande impatto emotivo il video, ideato, interpretato e realizzato da Silvia Mesin, con musiche del fratello Luca, che da anni coltiva la passione di attrice amatoriale, partecipando a corsi di recitazione e a diversi film dei registi polesani. La sua Valerie, lesbica rifiutata e perseguitata, nel cortometraggio “La lettera di Valerie- V per vendetta”, libera interpretazione dal film “V per vendetta” ammonisce con la sua vivida testimonianza “quanta ingiustizia e sofferenza comportino tabù e pregiudizi che nascono dalla non conoscenza, così com’è sbagliato allo stesso modo ignorare e negare”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl