you reporter

MELARA

La scoperta che non finisce mai

La Fondazione Cariparo ha finanziato gli scavi nella frazione di Santo Stefano

La scoperta che non finisce mai

27/05/2021 - 15:12

Nella frazione melarese di Santo Stefano sono ripresi gli scavi archeologici. La Fondazione Cariparo ha infatti stanziato i contributi per il secondo anno di lavori. Dopo le importanti scoperte degli scorsi mesi, la scorsa settimana è stata eseguita una trincea esplorativa lunga una ventina di metri nel giardino a sud della chiesa e sono uscite diverse sepolture di età medievale. “Tracce di una frequentazione romana – spiega l’archeologo Jacopo Leati - con segni di una possibile fornace non ancora indagata e i resti di un edificio medievale dotato di diversi ambienti coperti e scoperti. Presenti anche i resti di focolari e pavimenti in terra battuta”.

Anche le classi della scuola secondaria “Montalcini” di Melara hanno già avuto la possibilità di visitare gli scavi. Leati ha saputo coinvolgere i ragazzi ed affascinarli, illustrando non solo antiche strutture e reperti, ma raccontando la vita nascosta in quelli che ad uno sguardo superficiale possono sembrare solo dei brandelli di muro. “È stato emozionante – commenta l’insegnante Corrado Ferri - dopo un anno di limitazioni imposte dalla pandemia, svolgere la prima ed unica uscita didattica. I ragazzi hanno risposto con interesse e curiosità, ponendo domande, ma soprattutto cogliendo il valore profondo di questa attività di ricerca, arricchendo di nuovi tasselli il mosaico che costituisce la storia e pertanto l’identità di una comunità paesana”.

A seguito di alcuni lavori di movimento terra per la posa di un serbatoio di gpl, nel 2016, nelle immediate vicinanze della struttura sono stati trovati reperti archeologici, nell’area a nord della chiesetta. Al ritrovamento di una prima sepoltura, alla “cappuccina”, se ne è aggiunta una seconda indice di una destinazione funeraria del sito, che fa a sua volta ipotizzare la preesistenza di un edificio di culto. Il tutto, è databile dal V all’XI secolo avanti Cristo. La prosecuzione degli scavi potrà essere realizzata con un programma pluriennale. Il Comune di Melara dispone quindi di un progetto per le indagini archeologiche, predisposto dalla società cooperativa “In terras” di Civitella di Romagna (Forlì - Cesena).

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl