you reporter

Festival biblico

Fratellanza e accoglienza ma anche musica e filosofia

In programma anche un confronto sullo sport con Ghirotto e Martinello

Fratellanza e accoglienza ma anche musica e filosofia

“Se ne è sentita la mancanza”. Con queste parole inizia l’incontro di presentazione del Festival Biblico 2021 tenutosi ieri mattina. Promosso dalla diocesi di Adria e Rovigo, il festival, attivo da oggi al 20 giugno, parte con una novità: la presenza all’evento della città di Adria, una collaborazione che nasce all’insegna dell’amicizia e del desiderio di camminare insieme. “Ringraziamo i nostri fratelli maggiori (Rovigo, ndr) - dice Monica Stefani, consigliere adriese per lo sviluppo nel Polesine in campo letterario, artistico e musicale - per il lavoro fatto e l’accoglienza dimostrata. Noi piantiamo un piccolo seme sperando possa crescere e dare buoni frutti negli anni”.

Gli eventi culturali hanno bisogno di essere vissuti dal vivo, “veniamo da un periodo critico che ci ha duramente messo alla prova - dice il vescovo Pavanello della diocesi di Adria e Rovigo - il tema scelto per quest’anno è la fratellanza, siamo tutti fratelli e nessuno si salva da solo. Ci siamo scoperti distanti in un momento in cui saremmo dovuti restare uniti”.

“Saranno 140 gli appuntamenti previsti per questa stagione culturale - afferma Roberta Rocelli, direttrice del Festival Biblico - il nostro obiettivo è fare bene le cose nella coerenza rispetto ai temi scelti e a noi stessi. Non potevamo non parlare di fratellanza dopo un periodo di smarrimento come quello causato dal Covid”. “La voglia di restare insieme c’è - sostiene l’assessore Roberto Tovo - Il Festival Biblico ha adeguati contenuti che spaziano dalla musica al teatro e dalla meditazione al dialogo”.

Il programma: “Il programma di Adria è stato strutturato su 2 concerti (un concerto d’organo sabato 12 giugno e la Messa di Mozart con l’orchestra d’archi del conservatorio di Adria domenica 13 giugno), mentre nel pomeriggio di domenica 13 giugno ci sarà una proposta per i più piccoli da parte della biblioteca comunale dei ragazzi e, a seguire, il dialogo tra il teologo Brunetto Salvarani e la teologa e pastora battista Lidia Maggi, sulla ricerca di percorsi per camminare insieme tra chiese cristiane sorelle.

Il Festival farà ritorno a Rovigo dal 18 al 20 giugno ai giardini delle due Torri. L’apertura del 18 giugno sarà dedicata ad alcune proposte rivolte ai giovani col murale realizzato in un laboratorio di Street Art. Gli incontri biblici saranno aperti nel pomeriggio del 18 giugno. Nel pomeriggio di venerdì 18 giugno ci sarà anche il confronto tra alcuni importanti personaggi dello sport: Massimo Ghirotto e Silvio Martinello, ex ciclisti professionisti che si confronteranno sulla possibilità di storie di vera amicizia nel mondo dello sport. Il 19 giugno altri incontri a tema biblico.

Diversi gli appuntamenti artistici: nella serata di venerdì 18 giugno un omaggio ad Ennio Morricone. Sabato 19 pomeriggio ritorna a Rovigo il regista e sceneggiatore Francesco Bruni, che ci parlerà di fratellanza “imprevista” presentando il suo ultimo film “Cosa sarà”. Nella serata del 19 giugno la fratellanza diventerà evento artistico di strada per le strade e le piazze della città con l’evento “Urbe in arte”, che coinvolgerà una dozzina di gruppi artistici, tra compagnie teatrali e gruppi musicali. Questa edizione del Festival si chiuderà con la musica di Roy Paci, trombettista, in concerto con Roberto De Nittis, pianista di talento.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl