you reporter

ulss 5

Scatta il piano contro il grande caldo

Simionato: “L’obiettivo è di assicurare una rete di tutela per i cittadini, soprattutto quelli più fragili”

Scatta il piano contro il grande caldo

24/06/2021 - 10:50

Parte il piano emergenza caldo dell’azienda Ulss 5. Un coordinamento operativo territoriale e ospedaliero contro le ondate di caldo previste per l’estate 2021. L’obiettivo è la protezione dei cittadini più fragili, con diversa abilità, grandi anziani, pazienti con patologie croniche. L’azienda Ulss 5 ha attivato il Piano emergenza caldo, per sollevare dai disagi dell’afa e di temperature particolarmente afose, assistiti fragili, pazienti gravati da multi patologie croniche e grandi anziani. Grazie a una sinergia che ha saputo mettere in rete la rete ospedaliera e territoriale attraverso il coordinamento della Centrale operativa territoriale che opera con professionisti attivi sulle 24 ore, il territorio è presidiato e controllato quando le ondate di afa sono prolungate o anomale.

L’azienda Ulss 5 polesana informa quindi che la Centrale operativa territoriale è il riferimento primo per l’attivazione degli interventi previsti dal piano di emergenza caldo condiviso con la Regione Veneto. La Centrale operativa è il perno di tutte le azioni e, in particolare, oltre al bollettino di allarme climatico, riceve le segnalazioni provenienti da territorio e ospedale e si occupa di allertare, secondo un rodato meccanismo di rete, oltre al responsabile per l’allarme climatico, i direttori dei distretti, il direttore della funzione ospedaliera, la conferenza dei sindaci e le amministrazioni comunali chiamate a loro volta a svolgere un ruolo attivo nell’assistenza, i direttori delle cure primarie, il servizio di assistenza domiciliare integrata di Rovigo, Adria e Trecenta, i direttori delle strutture residenziali, oltre ai medici di medicina generale e di continuità assistenziale, e i pediatri di libera scelta.

“Il Piano emergenza caldo assegna alla centrale operativa anche il compito di individuare le persone a rischio, soprattutto quelle in condizione di solitudine o fragilità, per le quali va attivato un percorso di sorveglianza da parte dei medici di medicina generale, dei servizi sociali dei comuni, del servizio di continuità assistenziale o dell’assistenza domiciliare. L’obiettivo di questo piano - specifica il direttore generale dell’azienda Ulss 5 Patrizia Simionato - è di assicurare, nel periodo estivo, il coordinamento degli interventi di tutela, sia preventivi che assistenziali, e di realizzare una rete di competenze strutturata a favore della popolazione ritenuta a rischio, al fine di contenere possibili danni alla salute. La popolazione a rischio è composta da anziani, bambini fino a 4 anni, diabetici, soggetti sofferenti di malattie cronico degenerative e non autosufficienti, soggetti affetti da patologie renali o sottoposti a trattamenti farmacologici. Va riservata particolare attenzione alla popolazione anziana con più di 75 anni”. Gli orari per il piano del caldo: dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18, ai numeri telefonici 0425/393674 - 393814 -393815-393816. Si prega di lasciare un messaggio registrato se si desidera essere richiamati. Tutti i giorni feriali compresi i festivi: dalle 18 alle 8 del giorno successivo. Sabato e festivi: dalle 8 alle 8 del giorno successivo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl