you reporter

Lendinara

Sarà il paradiso verde dei ciclisti

Col via libera al sogno “Destra Adige” si realizzerà l’area di sosta attrezzata a Barbuglio.

lendinara  ambiente  destra adige  rovigo

09/07/2021 - 19:11

Approvata nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale la convenzione per la valorizzazione del sistema della Destra Adige, per la tratta che da Badia Polesine passa per Lendinara, Lusia, Rovigo e San Martino di Venezze. I Comuni coinvolti nel 2014 hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, nominando il comune di Rovigo come referente del progetto, che in quel momento era nella sua fase preliminare, da parte del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine.

Quel progetto è stato utilizzato per presentare domanda di finanziamento alla Regione Veneto, vedendosi assegnare il contributo di 1 milione 800 mila euro dal Cipe, oltre a 400mila euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Con la convenzione approvata, il Comune di Rovigo è stato confermato capofila del progetto, per il quale gli viene riconosciuto un compenso, che non potrà comunque superare una quota del 2% dell’importo posto a base di gara. Servirà per gli adempimenti per la progettazione definitiva ed esecutiva, le procedure di gara per la realizzazione degli interventi, la direzione lavori, il coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione, il collaudo e la rendicontazione.

Ciascun comune, sulla base della progettazione, ha assunto l’impegno di far fronte alla percentuale di costi non coperti dal finanziamento regionale con propri fondi di bilancio. Sono 2 milioni e 600 mila euro complessivi, che, al netto del cofinanziamento regionale, graveranno sulle casse di Lendinara per 36 mila 624 euro e su quelle di Lusia per 65 mila 960 euro. Per Badia Polesine, invece, le opere previste sono state già realizzate con un finanziamento Gal/Avepa.

La commissione di Lendinara aveva discusso lo scorso aprile della piantumazione e realizzazione dell’area di sosta attrezzata per la pista ciclabile a Barbuglio. Lo studio di fattibilità inserisce infatti questo progetto nel più ampio progetto della Destra Adige, attualmente in avanzato stato di progettazione. Il progetto di Barbuglio incrocerebbe quindi esattamente il punto in cui questa pista ciclabile incrocia la ciclabile Adige-Po, già attrezzata e pienamente operativa, risultando crocevia ideale del turismo lento proveniente dal Nord e diretto verso il nostro mare Adriatico.

L'area si configura pertanto come porta di ingresso del turismo lento in Lendinara e sarà attrezzata con una vasta piantumazione e con un ricco allestimento di strutture ricreative, ludiche e di ristoro. La proposta accoglie le richieste della Consulta di Saguedo-Barbuglio-Campomarzo di realizzazione di un'area verde attrezzata, che l'amministrazione si è mossa a recepire ed adempiere.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl