you reporter

Badia Polesine

Avis, assieme per la festa del dono

Domenica di consegna degli attestati di benemerenza per i donatori del sodalizio badiese

Avis, assieme per la festa del dono

13/07/2021 - 09:01

L’Avis festeggia i donatori benemeriti. E' stata una domenica di festa quella dell’Avis badiese, che si è ritrovata per la tradizionale consegna dei riconoscimenti ai donatori benemeriti. Un appuntamento che lo scorso anno ha dovuto “saltare” a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia, e che quest’anno si è scelto di organizzare all’aperto, in chiave un po’ diversa dal solito, nel Giardino dell’abate dell’abbazia, dopo aver partecipato alla messa domenicale.

“E’ stata una bella responsabilità prendere questo incarico – sono state le parole di Carlo Masatti, neopresidente dell’Avis comunale - L’anno scorso a causa del Covid non abbiamo potuto organizzare la festa, ma quest’anno ce l’abbiamo fatta, pur nel rispetto delle normative vigenti”. “Il gesto del dono è immenso” ha quindi aggiunto l’assessore Stefano Baldo, ringraziando soci e volontari, lasciando poi la parola a Nicol Antonini, collega di Cavazzo Carnico, il comune friulano gemellato con l’Avis di Badia.

I premiati sono quindi stati Giulio Bertolaso, Maria Grazia Besola, Lucio Tegazzini e Cinzia Teotto, a cui è andato il distintivo in rame; il distintivo in argento è stato riconosciuto invece a Davide Chiarion e Anna Nasole; Tiziano Dal Santo, Luca Masiero e Giuliano Nezzo hanno poi ricevuto il riconoscimento in argento dorato. Il distintivo in oro è andato a Vladimir Furin, Marco Pareschi, Stefano Salvadori, Marco Tinazzo e Roberto Corrado, mentre il distintivo in oro e rubino è stato donato a Gianpaolo Dall’Aglio, Franco Fasolin, Stefano Ferrarese, Michele Wurzer e Chiara Campion. Il distintivo in oro e smeraldo è stato destinato a Monica Barcaro, Franco Bolognini, Valerio Callegari, Giovanni Muraro e Antonio Corso, ed infine Roberto Checchinato e Ivano Viaro hanno ricevuto il distintivo in oro e diamante.

L’Avis comunale ha poi deciso di prevedere un riconoscimento anche per i donatori Roberto Checchinato, Angelo Chiarion, Francesca Moretti, Mauro Soffiato e Ivano Viaro che per limiti d’età o malattia hanno dovuto cessare le donazioni. Prima di lasciare spazio al buffet preparato dai ragazzi dell’Osteria della gioia di Villanova del Ghebbo, è stato previsto un riconoscimento a ricordo uno dei presidenti dell’Avis mancato a fine 2020, l’avvocato Vielmo Duò.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl