you reporter

L’EMERGENZA

Lunedì 65mila polesani fuorigioco

Gli irriducibili sono 53mila. Altri 12mila hanno prenotato ed entro l’estate avranno il certificato

Lunedì 65mila polesani fuorigioco

19/07/2021 - 18:46

Sono oltre 65mila i polesani che, da lunedì, potrebbero trovarsi in guai seri, e messi alla porta da ristoranti al chiuso, autobus e stadi, perché, in tasca, non hanno il certificato verde, che sta per diventare davvero essenziale. A giorni (si dice giovedì) il governo dovrebbe infatti varare il nuovo decreto, che - entrando in vigore da lunedì - disciplinerà tutta una serie di luoghi a cui, senza Green pass, non si avrà accesso. L’idea del governo è quella di dividere il provvedimento in due parti: una che entrerà in vigore già dalla prossima settimana e una, più restrittiva, che potrebbe scattare dopo Ferragosto.

Da lunedì, dunque, chi non ha il Green pass non potrà utilizzare i mezzi di trasporto sulle lunghe distanze (ma pare che anche il trasporto pubblico locale, e dunque anche gli autobus, alla fine, verranno messi nel testo) e dovrà stare fuori anche da palestre, piscine, stadi, teatri, cinema, e centri benessere. Al ristorante, senza Green pass, si potrà invece continuare ad andare, ma soltanto sedendosi all’aperto: vietati, insomma, gli spazi al chiuso. Con il secondo step, da metà agosto in poi, il Green pass potrebbe diventare obbligatorio anche per i mezzi pubblici esclusi dal primo provvedimento ma soprattutto per mettere piede nei bar e nei ristoranti. Ovviamente, tutte queste cose si potranno comunque fare a patto di sottoporsi al tampone ogni 48 ore, ovviamente potendo poi esibire il certificato di negatività.

Tra queste 65mila persone, però, è possibile identificare due sottogruppi: sono 12.069 quelli che - in larga parte per motivi anagrafici - hanno già prenotato il vaccino e riceveranno la prima dose entro l’8 settembre prossimo e che, dunque, a stretto giro riceveranno il Green pass; restano quindi 52.993 persone che di vaccinarsi proprio non ne hanno voluto sentire parlare e - in questo momento - sono completamente fuori dalla campagna anti-Covid e non avranno il Green pass. Proprio per distinguere tra queste due categorie (i volenterosi e i no vax, diciamo) il governo potrebbe prevedere che, per chi può dimostrare la prenotazione del vaccino, il tampone da fare ogni 48 ore per non avere limitazioni sia gratuito fino all’ottenimento del Green pass; mentre chi rifiuta il vaccino dovrà pagarlo di tasca propria (mediamente, in farmacia, costa circa 22 euro: ogni due giorni, diventa una bella spesa).

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl