you reporter

IL REPORT

Non è una provincia per sportivi

Lontani anni luce dal resto del Veneto, siamo molto indietro in tutte le principali discipline

Non è una provincia per sportivi

27/09/2021 - 19:53

La città più noiosa d’Italia, quella meno adatta ai giovani, una di quelle con più smog. E adesso, anche tra le città meno adatte a chi vuol fare sport. E le cose, per di più, vanno sempre peggio, perché anno dopo anno la nostra posizione in questa particolare classifica si aggrava.

Stiamo parlando dell’indice di sportività della province italiane: un report giunto alla 15esima edizione e calcolato su 36 indicatori suddivisi in quattro categorie. A pubblicarlo, ieri, il Sole 24 Ore. In base alla classifica generale, la nostra provincia si piazza all’81esimo posto, subito dietro Benevento e appena davanti a Messina. Ma - soprattutto - lontano anni luce rispetto al resto del Nordest, che invece brilla in vetta alla graduatoria. E meno male che abbiamo il rugby: per quanto riguarda lo sport in cui vantiamo la squadra campione d’Italia siamo al secondo posto su base nazionale dietro alla sola Treviso. Va bene anche sul fronte delle società dilettantistiche, che ci vede all’ottavo posto in Italia. Il risultato peggiore invece lo raggiungiamo nella categoria sport indoor: 105esima posizione su 107 realtà, davanti soltanto ad Agrigento e Crotone.

E lo sport nazionale? Il calcio ci vede nelle retrovie. Del resto, a tenere alta la bandiera del Polesine ci sono soltanto due società in serie D: l’Adriese e il Delta Porto Tolle. Tutto il resto della provincia è perso nei meandri delle categorie minori: e allora siamo 73esimi per quanto riguarda il calcio professionistico e 42esimi nella classifica dei dilettanti. E ancora: 75esimi anche per quanto riguarda il ciclismo, 70esimi nel tennis, 81esimi nel basket, 82esimi nel nuoto, addirittura 97esimi nell’atletica. Fa eccezione soltanto il volley, dove risultiamo 27esimi.

Non manca, nel report, un riferimento alle recenti Olimpiadi di Tokyo. Il Polesine, per quanto riguarda la partecipazione maschile, è all’ultimo posto (in coabitazione con altre 30 province che hanno inviato zero atleti ai Giochi); mentre nel femminile siamo 37esimi grazie ad Alessia Maurelli (medaglia di bronzo!) e Marta Menegatti. Quarantanovesimi, poi, nella classifica paralimpica, e 93esimi per tasso di praticanti di queste discipline. Sul fronte della “culla” per atleti da cinque cerchi siamo invece 75esimi: nell’ultimo quarto della classifica.

Un buco nero. Lontano anni luce dal resto del Veneto che vede Treviso brillare in settima posizione, Verona in 13esima, Venezia in 24esima seguita da Padova (25esima) e Vicenza (26esima). Ultima, e staccata, Belluno: 47esima, subito davanti a due nostri vicini, ovvero Mantova, 48esima, e Ferrara, 49esima. Rovigo è ben lontana, giù all’81esimo posto. Peggio del 77esimo posto fatto registrare lo scorso anno e del 75esimo del 2019.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl