you reporter

PORTO VIRO

Don Michele fa il suo ingresso a Scalon

Don Michele Cannella arriva al posto don Gianantonio nel giorno della festa patronale

Don Michele  fa il suo ingresso a Scalon

13/10/2021 - 17:25

Tre eventi in uno nella chiesa di Scalon a Porto Viro, in occasione della festa della patrona.

Infatti, è stata celebrata la messa dal vescovo Adriano Tessarollo in onore di Santa Maria Madre della Chiesa; è stata inaugurata la chiesa dopo i lavori di restauro; sono stati festeggiati don Gianantonio Trenti, che ha concluso il suo mandato a Scalon, e don Michele Cannella, che invece ha fatto il suo ingresso come nuovo parroco. In prima fila, il sindaco Maura Veronese e il vice sindaco Doriano Mancin. In chiesa i rappresentanti delle forze dell’ordine, del consiglio comunale, delle ditte che hanno eseguito i lavori, delle aziende che hanno dato il contributo economico, dei benefattori che hanno contribuito e tanti cittadini. Il pomeriggio è iniziato con le musiche suonate dalla banda cittadina davanti alla chiesa. Tanti sacerdoti, arrivati anche dalle cittadine vicine, e il vescovo, hanno fatto un corteo sulla piazza mentre la musica dava loro il benvenuto. La cosa particolare è che non c’è stato il taglio del nastro, ma il vescovo Tessarollo ha bussato alla porta della chiesa ed è quindi entrato seguito dai sacerdoti e dal corteo.

“Saluto la città in un evento che è stato straordinario come la riapertura di questa chiesa - ha detto don Gianantonio - dedicata a Santa Maria Madre della Chiesa nel 50° anniversario di consacrazione della stessa. E’ un momento felice per tutta la città. Sento di esprimere la gratitudine che porto nel cuore a Dio e a tutti voi il mio grazie per il sorprendente interessamento e generosità che ho avvertito in questi mesi. Saluto il vescovo Adriano e rinnovo la mia riconoscenza per il sostegno ricevuto in tante fasi dei lavori. E per la fiducia che ha riposto nella mia persona in questi anni come parroco. Saluto monsignor don Francesco, vicario, e responsabile del procedimento dei lavori fatti e saluto i sacerdoti della città, del vicariato, i salesiani e don Agostino che oggi compie gli anni. In questo 50° anniversario ricordo don Giovanni, primo parroco di Scalon, che è lui che ha fatto nascere la parrocchia”.

Il vicario don Francesco Zenna ha spiegato i lavori di restauro, quali l’isolamento del tetto, sostituzione di canali di gronda, tubi fluviali, sostituzione mattoni di facciate, raschiature murature interne, sostituzione vetrate, sostituzione di due porte anteriori, restauro del portone di ingresso, sostituzione della gradinata in entrata, rifacimento impianto elettrico, realizzazione del nuovo affresco del Cristo risorto e del tabernacolo. Ha detto che il costo è stato di 329mila 950 euro.

Il sindaco Maura Veronese ha ringraziato il vescovo a nome di tutta la città. “In questi quattro anni ho avuto il piacere di assistere alla restituzione di strutture importanti - ha spiegato il sindaco - Questa che è la nostra parrocchia e quella di San Bartolomeo, dove ci sono stati restauri importanti. Questa chiesa è molto più bella di come la ricordavamo. Siamo anche prossimi a un’altra restituzione cioè la chiesetta di piazza dei Caduti Triestini. Ancora grazie a questo regalo che fate a tutti i cittadini e a me. Questa chiesa mi è particolarmente cara perché è dove sono stata battezzata”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl