you reporter

Diario dell'alluvione-6

Sulla barca: un mare in paese

Tra i flutti per scattare foto storiche: sembra un terremoto.

Sulla barca: un mare in paese

05/11/2021 - 20:19

Il pomeriggio trascorse in un lampo. Finii un rullino per riprendere i più impressionanti angoli e scorci del centro e ne finii altri due percorrendo in barca le vie San Marco e stazione.

Nei pressi dell’asilo, mi accorsi quanto insidiose fossero ancora le correnti vedendo il barcone del maresciallo Cedolin deviare per la stradella del cimitero senza possibilità di un facile ritorno.

La mia fiducia in Fiorino il Pescatore non andò delusa, ma fui tranquillo solo quando rimisi piede sul pontile nei pressi del ponte del Castello. Lungo quel percorso non c’era da scegliere. Bisognava scattare e fermare, per gli increduli di domani, bestie annegate - case stalle fienili sventrati - strade sconvolte da voragini inaccessibili - binari contorti e sollevati sulla loro pista sconvolta come da un terremoto.

“Ce l’abbiamo fatta! - esclamai rimettendo piede a terra - Caspita, l’è bravo come quelli del Garda!”

“Mèjo no digo, - spiega lui con un fare modesto - ma ghe dirò che luri e mi a podemo girare dapartuto. El se pensa che le motovedete dela finanza, i primi giorni, i ha dovesto tornare ‘ndrio! E po’ l’ha visto ben i carabinieri chi è ‘ndà finire in zimitero! E lì a l’asilo, adesso, no ghè gnan un granchè de corente. Parché, védelo, l’aqua bisogna sentirla e dare el colpo de remi sicuro quando la tenta de fare di bruti scherzi; alora se va dove se deve ‘ndare. In altre parole: barcaroli se nasse”.

E finché faceva sparire, un’ombra dopo l’altra, un litro di “clintòn”, mi mise al corrente di certi particolari fatti destinati a restar segreti, essendo la libertà di parola la libertà di dire ciò che non dispiace agli altri.

“Eh! Proprio lu el me domanda come mai no i a fato saltar subito la Fossa de Polesèla?! Lu el lo sa mèjo de mi. I lo sa tuti! L’aqua, inveze che da noaltri, la s’avarìa riversà su Bosaro, Guarda Crespin Vilanova... E più de qualchedun, a Rovigo, gà le so campagne proprio là. I n’ha fato saltare qualche toco adesso che l’aqua no l’è più violenta come i primi giorni e la pole scorer via senza provocare disastri come da noaltri. I ha tirà fôra la storia che prima no i podéa parché in Italia no ghè aerei adati a portar zerte bombe. Eh! Prima ca se possa tornare a stare ne le nostre case, e prima che la tèra la gàbia da produre come prima a ‘n deve passare del tempo!”

“E, el me diga. Come viveri sìo aposto?“

“El senta. Ghè quìi che magna poco e qui che magna massa. Se podarìa star ben tuti quanti, ma quando uno rafa da ‘na parte, un altro rafa da chel’altra..., i cunti no i torna e se finisse par star male tuti quanti. I barcaroi del Garda i riva carghi de roba do volte al giorno. A spero sempre che i me daga qualcossa de più, ma la razion l’è sempre compagna. Senza contare ‘na roba: mai un gozzo de vin. Possibile che gnissùn capissa che ne ghe vole anca un goto de vin se non altro par tegnerse su?!”

“Beh, me par d’aver capìo che la so caseta l'è ‘ndà via co l’aqua. Dove stalo adesso?!”

“Purtropo l’è vero. Dove stago? Da nessuna parte a stago. A dormo dove ca càpita: su qualche fenìle, in mezo ai pùnteghi e al polame vivo o morto. O’ perso tuto, pasienza! Male anca par i ladri, però. No è restà gninte gnanca par luri. El deve savére, a proposito de ladri, che qualcuno l’è restà no par el forte atacamento ala so casa, come ca dise i giornali, ma par el forte atacamento ale case di chi altri!”

Vittorino Vicentini

6- continua

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Polesine i nostri primi 70 anni
Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune

Notizie più lette

Il virus torna nelle case di riposo
CORONAVIRUS IN POLESINE

Il virus torna nelle case di riposo

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl