you reporter

L’INIZIATIVA editoriale

Il Polesine dalle radici al futuro

Domani in omaggio solo con La Voce l’opera del grande scrittore Cibotto e uno speciale per guardare avanti.

Il Polesine dalle radici al futuro

11/11/2021 - 18:31

Finalmente ci siamo. E’ stato un lavoro lungo, ma ci siamo... Domani in omaggio con La Voce riceverete ben due omaggi che abbiamo studiato appositamente per ricordare nel migliore dei modi i 70 anni trascorsi dalla grande alluvione del novembre 1951, l’evento che ha cambiato per sempre la storia di questa terra.

In allegato al giornale riceverete un libro importante: “Cronache dell’alluvione” di Gian Antonio Cibotto. E’ la cronaca di quei giorni raccontata dalla penna più brillante che il Polesine abbia mai avuto. Scrittore, giornalista, esperto di teatro, Gian Antonio Cibotto (ma a Lendinara dove era nato, e nella sua Rovigo dove era tornato dopo l’esperienza romana, tutti lo chiamavano Toni) è stato un grande scrittore. E ci ha lasciato pagine assolutamente uniche di letteratura. “Cronache dell’alluvione” è una di queste. L’opera, ristampata per l’occasione dalla Voce e dalla Nave di Teseo, che ne detiene i diritti e che ha acconsentito a questa operazione culturale, domani - e solo domani - verrà regalata insieme al quotidiano. Lo spirito dell’iniziativa è quello di regalare ai polesani un libro importante per conoscere la storia della propria terra, un volume che non dovrebbe mancare nella libreria di tutte le case.

Contestualmente, insieme al giornale, riceverete una rivista realizzata appositamente dalla redazione della Voce in occasione di questo anniversario: “Polesine, i nostri primi 70 anni”. Si tratta di una rivista al cui interno abbiamo raccolto immagini inedite o poco conosciute, storie raccontate dalla viva voce di chi, 70 anni fa, fu protagonista di quei giorni; di chi si ritrovò profugo in altre regioni d’Italia. Sono le testimonianze di chi c’era e vuole tramandare la propria memoria storica.

Poi i racconti, le interviste... E un focus speciale puntato sul presente e sul futuro. Perché il Polesine che conosciamo oggi, la terra della logistica, dei Distretti della pesca e della Giostra, le campagne dei prodotti Dop e Igp e le valli del Parco del Delta del Po sono tutti figli di quei giorni di novembre del 1951 e della grande volontà di una gente di non rimanere indietro, di rimboccarsi le maniche e di ripartire.

Libro e rivista entrambi in omaggio con La Voce domani mattina, 13 novembre. E’ il nostro modo di rendere omaggio alla memoria senza però indulgere in lacrime di circostanza. Speriamo che sia gradito a tutti voi. E allora... vi aspettiamo in edicola.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Polesine i nostri primi 70 anni
Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl