you reporter

BOTTRIGHE

Che festa con gli “amici” alberi

Nel giardino della scuola messi a dimora tre querce e due faggi donati da Legambiente

Che festa con gli “amici” alberi

22/11/2021 - 08:52

Il parco giardino della scuola primaria San Giovanni Bosco di Bottrighe si arricchisce di tre querce e due faggi donati dal circolo di Legambiente, con il quale la scuola collabora per la gestione e la salvaguardia del verde del plesso. Queste nuove piante sono state messe a dimora nei giorni scorsi per celebrare la “Festa nazionale degli alberi”, svolta in collaborazione con alcuni volontari di Legambiente.

Alla manifestazione ha partecipato anche Mirco Frigato in rappresentanza del comitato genitori, mentre il dirigente scolastico del comprensivo AdriaUno, Michele Baldassari, per impegni inderogabili, non ha potuto essere presente come avrebbe desiderato, allora ha inviato un messaggio scritto nel quale si complimenta per l’iniziativa e sottolinea l’importanza di sensibilizzare bambini e ragazzi a un rapporto più rispettoso nei confronti della natura e più in generale verso l’ambiente.

La prima parte della giornata si è svolta nel salone con la partecipazione di tutte le classi insieme alle maestre Antonella Ferro, Marcella Bordin, Marzia Ruzza, Giorgia Crepaldi, Roberta Tomasi, Graziano Bernardinis e la fiduciaria Laura Ruzza. Alla presenza degli esperti di Legambiente, Simone Zannini e Roberto Tiengo, i bambini hanno avuto occasione di riflettere sull'importanza degli alberi, che sono fondamentali per l’equilibrio dell’ecosistema e devono essere visti come “amici” non come cose. Così si sono rivolti agli “amici” alberi dedicando loro alcune poesie e filastrocche. In seguito si sono recati in giardino dove sono state messe a dimora le tre querce e i due faggi che negli anni cresceranno e rimarranno a testimonianza della sensibilità verso l'ambiente che le insegnanti desiderano stimolare.

“La scuola primaria di Bottrighe – ricorda Laura Ruzza - è impegnata ogni anno in un progetto di plesso con sfondo ecosostenibile che spazia dal riciclo, all'uso consapevole dell'acqua, alla pulizia e al decoro del paese, al rispetto per tutte le piante e gli animali, diffondendo anche il messaggio che gli spazi pubblici sono beni comuni che tutti hanno il dovere di usufruire ma anche il diritto di rispettare e proteggere. Già realizzati negli anni: l'isola delle farfalle, l'isola delle erbe aromatiche, il piccolo frutteto stagionale e alcune casette per gli uccellini che vengono puntualmente accudite dagli alunni. All'interno di tali progetti sono previsti interventi di diverse realtà locali come Wwf, Novamont, astrofili polesani, una preziosa collaborazione che va ad arricchire il percorso formativo degli alunni”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Polesine i nostri primi 70 anni
Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl