you reporter

PALAZZO TASSONI

Consiglio, Bisco fa retromarcia

In discussione il possibile insediamento di un impianto di rifiuti pericolosi e il caso Bovolenta

Consiglio, Bisco fa retromarcia

22/11/2021 - 07:32

La notte solitamente porta consiglio e così è accaduto al presidente del consiglio comunale Francesco Bisco: il civico consesso convocato per questa sera alle 21 a Palazzo Tassoni si farà in presenza, con la possibilità per i consiglieri che lo desiderano di partecipare ai lavori in videoconferenza attraverso zoom. Dunque, nell’arco di 24 ore Bisco ha fatto retromarcia a seguito dell’alzata di scudi di tutti i consiglieri dell’opposizione. Infatti, il presidente aveva deciso di annullare la riunione in presenza perché l’impianto di riscaldamento non funziona. La minoranza ha fatto notare che prima di tutto c’erano alcuni giorni per porre rimedio, inoltre era possibile percorrere alcune strade alternative, come l’uso della sala Irene Federighi, sempre in municipio, dotata di riscaldamento autonomo. Preso atto della forzatura, Bisco è tornato sui suoi passi, così l’adunanza si svolge regolarmente stasera in presenza, senza pubblico e con la partecipazione di un massimo di tre rappresentanti degli organi di stampa, qualora si prenotino entro le 12 oggi. La cittadinanza può seguire i lavori via radio oppure in streaming attraverso il canale Youtube del comune.

Quattro gli argomenti all’ordine del giorno, tutti richiesti dalla minoranza. Subito il caso del provvedimento autorizzatorio per la nuova installazione di un impianto di recupero rifiuti pericolosi e non pericolosi e fabbricazione di prodotti chimici organici in località Colanfonda, proposto da Alchèmia. Si passa alla richiesta di chiarimenti e valutazioni sul piano degli interventi programmati da Mater Biotech del gruppo Novamont da realizzare nel proprio stabilimento di Bottrighe per mitigare criticità e disagi segnalati dalla popolazione residente. In relazione a questi due argomenti, è stata chiesta la presenza dei rappresentanti delle aziende. Il terzo punto riguarda la mozione presentata dalla consigliera comunale Giorgia Furlanetto in merito all’adesione allo sciopero indetto dalla Fisi da parte del segretario generale del comune Gianluigi Rossetti. Si arriva al quarto e ultimo argomento relativo alla bufera che ha investito la fondazione Mecenati.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Polesine i nostri primi 70 anni
Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl