you reporter

CORONAVIRUS IN ITALIA

Tamponi rapidi nel caos: "Uno su due errato"

Sempre maggiori le perplessità sulla validità di questo test

Corsa al tampone: già 5mila prenotati in Polesine

Tamponi per il coronavirus

22/11/2021 - 15:52

Cresce la perplessità, nel mondo medico e scientifico, sulla valenza dei tamponi rapidi. Quelli, per intenderci, che vengono impiegati ogni 48 ore da quanti hanno scelto di non vaccinarsi, per conseguire comunque il Green Pass temporaneo. A preoccupare, infatti, è l'alta percentuale dei falsi negativi che genererebbero. Una percentuale che, a seconda del ricercatore e della ricerca, varierebbe tra il 30% e il 50%.

Il problema dei falsi negativi è estremamente concreto, ai fini della lotta alla diffusione del contagio. Un falso negativo, infatti, significa che una persona, in realtà positiva e contagiosa, risulta negativa e, quindi, può ottenere il green pass temporaneo, nel caso sia questa la finalità del tampone, o, comunque, non viene riconosciuta come positiva e non entra, quindi, nel meccanismo di isolamento e tracciamento.

Unica, se così si può chiamare, "consolazione", il fatto che la percentuale di affidabilità cresca al crescere della contagiosità della variante, dal momento che questa comporta anche un incremento della carica virale.
 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Polesine i nostri primi 70 anni
Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl