you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

Questi sono dati da zona rossa

Nelle ultime settimane, balzo in avanti del contagio

Coronavirus, è veneto il primo morto in Italia

06/12/2021 - 18:14

Numeri da zona rossa, sempre di più. Il Polesine ha superato la linea, simbolica quanto volete ma pur sempre preoccupante, dei 250 nuovi casi settimanali ogni 100mila abitanti. Negli ultimi 7 giorni, sono stati 619 i residenti nella nostra provincia che si sono scoperti positivi al virus: una media di 88 nuove positività ogni 24 ore. Abbastanza per “sforare” il parametro che, fino a pochi mesi fa, avrebbe decretato il passaggio in zona rossa: anche perché, noi non siamo un’eccezione. Anzi: è tutto il Veneto a dover fare i conti con la recrudescenza del virus, già la settimana scorsa l’incidenza a Treviso a 342 casi per centomila abitanti, a Padova era a quota 321, a Venezia a 300, a Vicenza 298, a Belluno 209 (abbastanza per meritarsi l’arancione). E da allora, i numeri non possono che essere saliti.

Lo vediamo in Polesine: i 619 casi degli ultimi sette giorni rappresentano un’incidenza che, decimale più decimale meno, si attesta a quota 271, oltre l’8% in più del limite massimo per evitare il “rosso”. Il numero dei nuovi casi è cresciuto del 30,8% rispetto alla settimana precedente, quando si erano attestati a quota 473. In due settimane, cioè dal 22 novembre scorso, in Polesine abbiamo avuto oltre mille casi: 1.092, per la precisione. Ovvero il 6,5% di tutti quelli che si sono registrati dall’inizio della pandemia, 19 mesi fa. Decisamente al di sopra della media. Nelle stesse due settimane, sono state 12 le vittime del virus, praticamente una al giorno.

E’ più che raddoppiato, invece, il numero di persone attualmente positive: erano 547 il 22 novembre, sono diventati 1.135 ieri, con un incremento del 47,4% soltanto nell’ultima settimana. Impennata anche per i ricoveri, passati dai 31 del 22 novembre, ai 35 del lunedì successivo e fino ai 53 di ieri: +71% in due settimane, +51,4% considerando soltanto gli ultimi sette giorni.
E le case di riposo? I positivi riconducibili alle strutture residenziali extraospedaliere, ieri, si attestavano a quota 19 di cui 11 ospiti e 8 operatori: due settimane fa erano 13, coinvolgendo soltanto 5 pazienti; lunedì scorso 13 sempre con 5 pazienti. Il contagio, dunque, è aumentato del 46% nell’ultima settimana, ma è più che raddoppiato (+120%) se consideriamo soltanto gli anziani ospiti. 

Ultimo dato, quello relativo al numero dei polesani in isolamento: 1.347 il 22 novembre, 2.005 lunedì scorso, 2.304 ieri. In due settimane, 658 persone in più sono passate attraverso il Sisp, con un aumento del 71% soltanto nell’ultima settimana.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl