you reporter

ISTRUZIONE

Lusia dice sì al Liceo musicale

Il consiglio comunale accoglie la mozione dell’assessore Battistella per la scuola provinciale

Lusia dice sì al Liceo musicale

15/01/2022 - 09:57

Il consiglio comunale di Lusia accoglie la mozione presentata dall’assessore all’istruzione Lorella Battistella e sostiene l’iniziativa promossa dal professor Fabio Cusin di istituire un liceo musicale nella provincia di Rovigo. Durante l’ultimo consiglio comunale del comune di Lusia dell’anno passato, uno dei punti all’ordine del giorno è stata l’adesione all’iniziativa di istituire un liceo musicale nella provincia di Rovigo. “Lo abbiamo fatto in supporto a un’iniziativa del professor Fabio Cusin - spiega il sindaco di Lusia Luca Prando - è importante per gli studenti che vogliano esplorare la musica con un impegno diverso rispetto ad un Conservatorio”.

L’importanza dell’approvazione di tale iniziativa è dovuta al fatto che affinché possa essere avviato un liceo musicale, è necessario che la commissione d’ambito Scolastico, composta dai sindaci della Provincia, dal presidente della Provincia e dal dirigente dell’Usp diano parere favorevole.

Le ragioni che sostengono la necessità di un liceo musicale in provincia di Rovigo, a quanto si evince dalla mozione esposta dall’assessore all’istruzione di Lusia Lorella Battistella durante il consiglio comunale, sono molteplici specialmente se si vanno ad analizzare nel dettaglio le recenti preferenze formative in ambito musicale a Rovigo e la situazione della provincia rispetto alle altre del Veneto. In effetti, nella provincia di Rovigo ad oggi sono ben 10 le scuole medie ad indirizzo musicale a fronte di nessun liceo musicale; un ragazzo interessato a proseguire studi tecnici di strumento dovrà allora rivolgersi ai Conservatori che sono tuttavia considerati percorsi di alta formazione e non scuole secondarie.

Per i ragazzi che non vogliono abbandonare lo studio musicale si prospetta dunque l’obbligo di frequentare sia un istituto superiore a scelta sia un Conservatorio; due formazioni impegnative se svolte insieme.

Un liceo musicale permetterebbe di evitare la scelta ora obbligata del Conservatorio dopo le scuole medie e sarebbe un valore aggiunto all’offerta formativa provinciale. È bene ricordare che Rovigo rimane l’unica provincia veneta a non avere un liceo musicale mentre ve n’è uno in ciascuna delle altre province e addirittura 2 a Venezia, Treviso e Verona.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl