you reporter

SCUOLA E CORONAVIRUS

“L’isolamento fa disastri, per i ragazzi”

Parla la dirigente scolastica: “Sempre meno abituati a socializzare. Classe seguita da psicologo, insegnante di scienze e di diritto”

“L’isolamento fa disastri, per i ragazzi”

21/01/2022 - 09:25

Il grave episodio avvenuto nella classe prima dell’Ipsia Marchesini ha subito messo in allarme la dirigente scolastica Isabella Sgarbi, una donna sempre attenta al percorso educativo dei suoi alunni. “Stiamo facendo le ricerche del responsabile o dei responsabili - racconta la preside - per capire come sono avvenuti i fatti e come bisognerà stigmatizzare l’accaduto”.

La cosa ancora più grave di questo terribile scherzo è che i ragazzi protagonisti appartengono a una classe prima. E la dirigente vede in questo dettaglio l’effetto o uno degli effetti del prolungato lockdown e del distanziamento tra i giovani. “Questi ragazzi praticamente non hanno frequentato le medie, non hanno frequentato una classe, hanno fatto Didattica a distanza, poco sport, poco gruppo. Io non voglio dare tutta la colpa al Covid, lungi da me, ma come l’alunno che accoltella il bidello (è successo in questi giorni a Sulmona), così a Rovigo succedono questi fatti. Noi che abbiamo un ruolo educativo siamo tutti preoccupati. I bambini dell’infanzia non salutano, chiedono l’igienizzante per le mani, i bambini di prima elementare hanno frequentato le classi davanti ai computer”.

I carabinieri si sono recati subito nell’istituto per dare una bella strigliata alla classe. “Erano in 13, perché come tutte le classi sono dimezzate - spiega Sgarbi - La cosa raccapricciante è che ci sono degli episodi, come le violenze ai gattini o bravate terribili come questa, che hanno un doppio binario cioè si può sviluppare uno spirito di emulazione”.

La classe prima dell’Ipsia Marchesini sarà ora seguita da un team: “Abbiamo subito messo a disposizione - spiega ancora il dirigente - una psicologa, una docente di scienze e una di diritto. La vicenda è piuttosto delicata e ha per noi anche un carattere educativo perché siamo tutti chiamati a riflettere sugli effetti negativi che il Covid ha avuto sui ragazzi. Non capire poi che un igienizzante può bruciare lo scomaco è grave”.

Con l’onda mediatica che la notizia ha avuto su Rovigo, molti genitori si sono rivolti alla scuola per capire cosa sia successo e che ambiente c’è.

“Qui si parla di reati, non c’è nulla da scherzare - ripete Isabella Sgarbi - e noi indagheremo per parlarne con i diretti interessati. E prendere provvedimenti. Ma c’è un fenomeno più generale di grande disagio sociale tra ragazzi che stanno vivendo una dissociazione con la realtà, trascorrono ore e ore davanti ai videogiochi. Non c’è la censura, ma bisogna riflettere in generale su quale gioventù stiano vivendo i nostri ragazzi”. E’ marginale per Sgarbi, ma la battuta ci sta. Ci mancava solo lo scherzo con l’igienizzante e tutto quello che ne consegue nella congerie di piccole, medie e grandi preoccupazioni che il Covid si porta con sé nel sistema scolastico di questi anni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • FSB-17

    22 Gennaio 2022 - 01:01

    siete dei criminali

    Rispondi



GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Polesine i nostri primi 70 anni

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl