Cerca

LUSIA

Crollo in aula, colpito un bimbo. Scuola chiusa

Grosso cedimento di intonaci e calcinacci, il piccolo per fortuna sta bene

Manca l'ambulanza, in ospedale si va in Lombardia

Scuole elementari chiuse a Lusia, a seguito di un crollo di intonaci in un'aula, che ha visto una porzione di calcinacci finire a terra dal soffitto e colpire un bimbo. Per fortuna, le sue condizioni non sono assolutamente preoccupanti. Portato, martedì 22 febbraio, al pronto soccorso per accertamenti ed eseguiti tutti gli approfondimenti, non risulta avere riportato traumi seri. 

Un altro alunno, invece, al momento del cedimento, si trovava alla lavagna e un altro ancora, l'ultimo che solitamente siede nella zona interessata dal cedimento, si era spostato di banco. A parte la grande paura, quindi, per fortuna non si registrano conseguenze di rilievo.

Ora, come spiega il sindaco Luca Prando, che si è immediatamente attivato, avendo come priorità assoluta la sicurezza dei piccoli frequentanti la primaria, la scuola, su disposizione della preside, rimarrà chiusa sino a venerdì. Un periodo che, unito a quello già previsto di default per le vacanze di Carnevale, consentirà di completare le verifiche strutturali immediatamente scattate. Al momento, non paiono essere state individuate altre parti a rischio, ma - come detto - la parola d'ordine è massima cautela, a tutela dei bimbi.

A questo scopo, è stato affidato un incarico a un ingegnere e ad operatori specializzati proprio in questo ambito. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy