CAVARZERE

Telecamere per fare le multe a chi abbandona rifiuti

Funzioneranno anche di notte e si aggiungeranno alle fototrappole già esistenti

Furbetti dei rifiuti, lotta digitale

03/05/2022

Cinque nuovi occhi elettronici contro gli “incivili del cassonetto”: serviranno da deterrente contro l’abbandono di rifiuti nel territorio. E le sanzioni verranno aumentate al massimo possibile.

Verranno installate a breve le cinque nuove telecamere di videosorveglianza ad altissima risoluzione che permetteranno di vigilare e multare gli incivili che abbandonano i rifiuti: lo ha annunciato il sindaco Pierfrancesco Munari insieme all’assessore con delega all’Ambiente e ai rifiuti Marco Grandi.

Gli occhi elettronici verranno acquistati grazie ad un finanziamento messo a disposizione dal Consorzio di bacino Venezia ambiente per comuni della Città metropolitana, e per quanto riguarda Cavarzere sono stati messi a disposizione 5mila euro.

“Con questo budget abbiamo fatto un progetto di acquisto e di installazione di alcune telecamere, e dovremmo riuscire ad arrivare a cinque punti di monitoraggio del territorio - ha spiegato l’assessore Grandi - saranno telecamere di ultimissima generazione che rileveranno volti sia di giorno che di notte, con una visione a 360 gradi. Verranno impiegate in alcuni siti che abbiamo già identificato insieme alla polizia locale: saranno disposte nei punti in cui si verificano maniera più assidua sversamento di rifiuti e fenomeni criminosi legati all’ambiente. La possibilità di installarle permetterà anche di poterle orientare per sorvegliare i varchi di avvicinamento, per essere più efficaci nell’intercettare i criminali dell’ambiente”.

Al momento, nel territorio sono attive già cinque fototrappole, ma quelle che l’amministrazione andrà ad installare saranno di nuova generazione, con un sistema operativo che permetterà una gestione più semplice: i filmati potranno essere consultati immediatamente su qualsiasi device da parte della polizia locale.

“Questo è quello puntiamo di avere a brevissimo sul territorio - conclude Grandi - per portare avanti il contrasto all’abbandono sui rifiuti, oltre ad aumentare al massimo le sanzioni pecuniarie per le contravvenzioni da abbandono di rifiuti, in modo che funzioni da ulteriore deterrente per gli incivili del cassonetto che provocano un danno alla comunità, ambientale ma anche economico”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl