you reporter

I disabili battono anche il freddo <br/> i ragazzi dell'Ulss 19 con i cittadini

L'evento

51105

04/12/2015 - 12:00

ADRIA - Un velo di tristezza e dolore si è addensato sulla Giornata internazionale delle persone disabili: la tragedia con 14 morti e 17 feriti nell’assurda sparatoria avvenuta in un centro diurno in California ha rovinato il clima di festa preparato dal Centro disabilità dell’Ulss 19.

In piazzetta San Nicola alla presenza ieri erano presenti il sindaco Massimo Barbujani, del suo vice Giorgio D’Angelo, dell’assessore Patrizia Osti, di Mara Bellettato consigliere delegata per la scuola e la cultura, della presidente della Consulta del volontariato Roberta Paesante e del comandante della Polizia locale Pierantonio Moretto.

Il tutto in una piazzetta gremita di persone diversamente abili e studenti delle scuole superiori della città che non si sono stati fermati davanti a una giornata di freddo pungente, condita con l’umidità di un nebbione. Manifestazione resa più soave dall’esibizione dell’Adria sax quartet con gli allievi del conservatorio Buzzolla Serena Tarozzo, Matteo Cavalieri, Camilla Bottin e Luca Finotti che hanno suonato alcuni pezzi del repertorio classico.

Il tema della giornata è ispirato alla celebre frase di William Shakespeare: “La disabilità è negli occhi di chi guarda”, così pure la bellezza è negli occhi di chi la guarda: allora, i ragazzi diversamente abili hanno trasformato la piazzetta in un bistrot per accogliere i passanti e guardarsi negli occhi per capirsi, per scambiare qualche emozione, senza parole, solo qualche gesto. Per rompere un po’ il gelo del meteo, non certamente quello dei cuori, la gelateria Erika ha servito cioccolata calda per tutti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl