you reporter

Inchiesta sui fanghi Coimpo, chiesto il Riesame per i titolari

Coimpo - Adria

45455

La sede della Coimpo a Ca' Emo di Adria

27/09/2016 - 11:42

Caso Coimpo, nuova tappa dell'articolata inchiesta.



L'avvocato difensore Marco Petternella ha chiesto il Riesame per rivedere le misure cautelari a carico di Gianni Pagnin, 65 anni, di Noventa Padovana, e della figlia Alessia, 40 anni, chiamati in causa dalla direzione distrettuale antimafia di Venezia come legali rappresentanti di Coimpo.




L'inchiesta è incentrata sul presunto spandimento illecito di rifiuti pericolosi, provenienti da depuratori e veicolati dalla Coimpo di Adria, in terreni agricoli della Toscana.



La tesi dell'avvocato Petternella è che i parametri presi a riferimento per dichiarare pericolosi quei fanghi nelle perizie ordinate dal Pubblico ministero, sarebbero sbagliati: per valutarne la pericolosità, in sostanza, il pm avrebbe dovuto chiedere altre analisi, diverse.




Ora i giudici del Riesame avranno tempo fino a fine mese per decidere.



Approfondimenti sulla Voce di Rovigo di mercoledì 28 settembre.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl