you reporter

Vietato sedersi sui leoni, scatta la protesta ironica degli adriesi

Il caso

73583

08/03/2017 - 11:11

Per Adria questa è la settimana del leone, anzi dei leoni. Ma l'oroscopo non centra. A finire al centro della polemica, dai contorni ironici, dilagata sui social sono stati i due grossi felini in bronzo posti a guardia della chiesa di San Nicola da Tolentino, che oggi è monumento ai caduti.



Sulla schiena dei due guardiani accovacciati si sono aperte delle fessure che potrebbero danneggiare le opere, firmate dallo scultore bolognese Gaetano Scamoggia. Ai due leoni servirebbe un intervento di restauro, ma per il momento accanto alle statue è comparso un cartello che vieta ai cittadini di sedersi sulle statue.



Non l'hanno presa bene alcuni genitori, che hanno accusato l'amministrazione comunale di voler impedire ai bambini di divertirsi davanti alla chiesa rendendo le due statue parte integrante dei loro giochi. Per non parlare della foto in groppa ai leoni, diventata ormai una tradizione non soltanto per i più piccoli, ma anche per gli adulti.



Di fronte alle accuse il Comune si lava le mani, addossando la responsabilità dell'affissione del cartello ad alcuni privati. Tuttavia, l'amministrazione è consapevole della necessità di regolamentare l'"utilizzo" dei leoni. Per questo, a partire da sabato gli unici autorizzati a salire sulla schiena dei felini in bronzo saranno i bambini fino ai 10 anni.



Gli adulti, invece, dovranno accontentarsi di una foto a fianco dei leoni per evitare ulteriori danni alle due strutture. E i più spiritosi prendono spunto dall'episodio per suggerire tre numeri da giocare al lotto: 2 (riferito al numero di leoni), 51 (divieto), 64 (leone) nella speranza che i due leoni al centro della polemica portino fortuna alla loro città.



LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl