Cerca

Palazzo Balbi è off limits per il Comitato

Sanità

adria ospedale.jpg
E’ polemica alla vigilia dell’incontro in Regione per presentare i dati sull’ex Ulss 19.
Profonda amarezza viene esternata da parte del Comitato cittadino in difesa dell’ospedale e dei servizi socio sanitari per essere stato lasciato fuori dall’incontro in programma a Palazzo Balbi per presentare i risultati e la programmazione prossima futura relativa al nosocomio adriese e più in generale al distretto socio sanitario dell’ex Ulss 19.



L’incontro vedrà attorno al tavolo gli assessori regionali Luca Coletto, Cristiano Corazzari, Manuela Lanzarin, insieme alla direzione strategia dell’Ulss 5 guidata da Antonio Fernando Compostella, invitati anche i sindaci del comprensorio bassopolesano.
C’è attesa, dunque, sia per conoscere i dati che saranno esposti da direzione sanitaria e istituzione regionale, ma anche per verificare se i sindaci alzeranno la voce mettendo sul tavolo una serie di rimostranze anticipate alla Lanzarin nel famoso blitz a Venezia del 30 gennaio scorso.




Porte chiuse per il comitato, nonostante le tante promesse di apertura e disponibilità al dialogo espresse in più occasioni da Compostella. “A noi - si legge in una nota - non rimane che raccomandare a tutti i nostri concittadini di Adria e del Delta di chiedere espressamente che l’erogazione delle prestazioni sanitarie dovute avvenga nelle strutture pubbliche del nostro comprensorio. E se gli operatori del Cup telefonico obbiettassero queste legittime richieste - avvertono quelli del comitato - non avere il timore di rivendicare con forza la propria volontà e il proprio diritto a poter accedere a una sanità equa ed universale”.

Il servizio completo sulla Voce in edicola il 5 marzo
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy