Cerca

Adria

Beltrame c’è, il centrodestra forse

Beltrame c’è, il centrodestra forse. Situazione tesa tra Lega e Forza Italia per il veto posto su Simoni. Lamberto Cavallari pronto a calare il poker con la sua civica, Bobosindaco, Pd e frazionisti,

Beltrame c’è, il centrodestra forse

Emanuela Beltrame sarà la candidata sindaco della Lega, ma ancora non si sa se sarà la portabandiera del centrodestra o se dovrà correre da sola.

Queasta mattina a dare la sua “benedizione” alla candidatura è arrivato nella città etrusca l’assessore regionale Cristiano Corazzari che ha lungamente sostato al gazebo del Carroccio in largo Mazzini.

Nessun commento sulla situazione politica, solo strette di mano con dirigenti e militanti di partito. Intanto il centrodestra si va scardinando: la Lega ha posto il veto sul nome dell’ex vicesindaco Federico Simoni. Forza Italia non può starci, anzi ha puntato i piedi affinché resti fuori dalla coalizione la lista che fa riferimento a Sandra Passadore. Le segreterie provinciali sono al lavoro per arrivare a una soluzione che ancora ieri sera non è stata trovata. In mattinata c’è stato anche un fugace faccia a faccia tra Corazzari e Barbujani in Strada Grànda: poi il primo ha raggiunto il gazebo della Lega, il secondo si è fermato al banchetto dei grillini. Altri commenti non servono.

Cavallari e l’arca di Noè Rientra questa mattina da un viaggio all’estero Lamberto Cavallari, ormai lanciatissimo come candidato sindaco sostenuto da una lista civica che quasi sicuramente porterà il suo nome, quindi dalla Bobosindaco, Pd e frazionisti. E quella che qualche settimana fa sembrava una scialuppina, adesso sta diventando un’arca di Noè perché in tanti stanno bussando per salire sulla barca dell’ex presidente della Croce verde, secondo gli esperti sempre più favorito nella corsa per la conquista di Palazzzo Tassoni. A spianare la strada al figlio dell’ex sindaco contribuiscono due fattori fondamentali: da un lato la voce grossa della Lega che sta facendo terra bruciata dei propri alleati rischiando seriamente di trovarsi da sola prima facendo scappare Bobo, poi sbattendo la porta in faccia alla Furlanetto, adesso mettendo fuori gioco Simoni. Dall’altro lato, la chiusura ideologica del movimento civico attorno a Omar Barbierato che sta alzando attorno al candidato sindaco muri di integralismo che ostacolano ogni apertura di dialogo, anche se ha lasciato passare alcune frange dell’estrema sinistra che ora si riconoscono nel movimento politico Liberi&Uguali.

Un’altra spinta in favore di Cavallari sarà l’appoggio dei frazionisti sia della lista di Marco Santarato che Ora cambia di Bottrighe. Non è escluso che le due liste facciano causa comune, comunque unite o divise appare sicuro che convergeranno su Cavallari.

Partito democratico In via Che Guevara si sta mettendo a punto la lista che sarà contrassegnata da un marcato rinnovamento impersonato dal giovane segretario di circolo Federico Cuberli e del suo staff. Chi ha deciso di restare fuori è Matteo Stoppa consigliere nelle ultime due tornate. Invece non ha ancora sciolto le riserve Sandro Gino Spinello: da un lato non vorrebbe far mancare la sua esperienza, dall’altro non vorrebbe apparire come l’uomo di tutte le stagioni con il rischio di offuscare l’entusiasmo giovanile attorno al segretario.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy